batteria

Sony al lavoro su batterie ad alta capacità per smartphone, ma non trattenete il fiato in attesa

Nicola Ligas

Sony starebbe lavorando su delle batterie con oltre il 40% di capacità in più rispetto all’attuale generazione, realizzate con un composto di solfuro al posto degli ioni di litio.

Secondo delle stime, un iPhone 6s alimentato con questa batteria dovrebbe arrivare a 14 ore di navigazione web. Non solo, ma tutto ciò sarebbe possibile occupando il 30% di spazio in meno rispetto alla batterie attuali, permettendo di contenere gli spazi o, a parità di questi ultimi, di aumentare ulteriormente la capacità complessiva (cosa assai preferibile).

LEGGI ANCHESnapdragon 820 ufficiale: si torna al quad-core in nome di potenza e autonomia

Tutto pronto quindi? Niente affatto, perché ci sono ancora dei notevoli limiti tecnici da superare per evitare il veloce degradarsi di questo tipo di soluzione, e quindi non ne dovremmo riparlare prima del 2020.

Peccato perché il 2015 è stato un anno che non ha affatto brillato in quanto ad autonomia dei vari top di gamma, e nulla lascia presagire che l’anno in arrivo possa portare rivoluzioni in materia.

Via: G for Games
  • M4nder

    Ottimo,sarebbe anche l’ora di cominciare a investire seriamente nell’ambito delle batterie che ormai mostrano evidenti limiti

    • stefano

      son d’accordo….le batterie sono l’aspetto negativo della tecnologia d’oggi….sugli smartphone come sui tablet a parte qualche rarissima eccezzione…..sony z3 tablet…

    • Andre

      M4nder, ti faccio una domanda abbastanza off-topic.
      Se non sbaglio, tempo fa pubblicasti uno screenshot dove mostravi l’assenza di wakelock sul tuo telefono grazie al modulo Amplify, quindi, insomma, mi sembra che tu ci sappia abbastanza fare.
      Ora, Amplify credo che sarebbe troppo complesso per me, ma hai mica esperienza diretta della ricezione delle notifiche da parte di Facebook e WhatsApp ibernate con la versione donate di Greenify? Sai dirmi se funziona bene?

      • M4nder

        mmmm no :/
        Cos’è amplify?XD
        Per quanto riguarda greenify,per esperienza personale posso dirti che se non le imposti in modo “errato” non ci sono problemi con le notifiche (soprattutto se hai i permessi di root).
        Se facebook e whatsapp (le due app da te citate) le lasci fuori dall’ibernazione automatica continueranno a funzionare senza problemi in background,al contrario,se le inserisci tra le app da ibernare in automatico (non ho mai provato ma a rigor di logica dovrebbe funzionare così) non riceverai nessuna notifica da loro perchè le app non fungeranno in background

        • Andre

          ARGH!
          Figura di m*rda D: allora non ricordo chi quarzo l’abbia postato D:
          Ero abbastanza certo che fossi tu D:
          Comunque, sì, faccio già ampio uso della versione free di Greenify e ovviamente tengo esclusi WhatsApp e Facebook (Lite).
          Mi interessava invece sapere della versione Donate col modulo Xposed D:
          Comunque, va beh, grazie lo stesso 😀

          • M4nder

            Figurati xD
            Comunque amplify veramente non so cosa sia,serve a monitorare i wakelock?
            In ogni caso se non sbaglio puoi testare il modulo xposed di greenify anche con la versione free (sul mio antiquato nexus lo facevo)ma in teoria non dovrebbe cambiare molto (sempre che tu escluda le due app) se non nell’efficacia dell’ibernazione stessa delle app scelte

          • Andre

            Ok, grazie, proverò 😀
            Scusa, mi sono dimenticato di risponderti al “Cos’è Amplify” di prima D: Amplify è un modulo per Xposed in cui puoi andare a bloccare i singoli processi delle app e puoi impostare manualmente ogni quanto questi debbano risvegliarsi o:
            Però, mi pare di capire che non sia semplicissimo da usare e che se non stai attento, puoi incasinare di brutto il telefono D:

          • M4nder

            Si potrebbe essere realmente più complicato da gestire perchè vai a lavorare direttamente sui processi e non sull’applicazione in se (l’applicazione avvia i processi che possono essere multipli) ma secondo me greenify è un ottima soluzione già di per se (anche se con doze perde un pò di senso)

          • Andre

            Eh, ma il Doze mi pare che entri in funzione dopo un tot di tempo che il telefono è inutilizzato.
            Greenify è immediato.
            Comunque, sì, credo che anche Greenify da solo possa andare bene 😀

          • M4nder

            E hai ragione,il doze di google si attiva dopo un periodo di tempo di inattività con schermo spento ma ho ricevuto,nell’aggiornamento di Samsung,la versione personalizzata della casa madre che permette di ibernare costantemente le app stile greenify

  • alex

    Nooo… E io che lo Smartphone volevo ricomprarlo nel 2019 🙁