unione europea

Commissione Europea: Qualcomm ha pagato un produttore perché usasse i suoi chip

Giuseppe Tripodi

Dopo la multa a Google, questa volta la Commissione Europea si scaglia contro Qualcomm, accusato di aver violato le normative europee sull’antitrust.

Sul colosso statunitense gravano pesanti accuse: secondo quanto riportato nel comunicato, a partire dal 2011 Qualcomm avrebbe pagato ingenti somme ad un importante produttore di smartphone per utilizzare esclusivamente i suoi chip per la connessione (baseband). Non è stata resa nota quale sia l’azienda ad aver accettato i pagamenti.

LEGGI ANCHE: Qualcomm: gli octa-core sono solo marketing

Inoltre, secondo la Commissione Europea, tra il 2009 e il 2011 Qualcomm avrebbe venduto alcuni SoC a prezzi inferiori del costo di produzione (Predatory Pricing) con il solo scopo di escludere Icera dal mercato.

[…]

Exclusivity payment Statement of Objections

The first Statement of Objections outlines that since 2011, Qualcomm has paid significant amounts to a major smartphone and tablet manufacturer on condition that it exclusively use Qualcomm baseband chipsets in its smartphones and tablets. The Commission takes the preliminary view that this conduct has reduced the manufacturer’s incentives to source chipsets from Qualcomm’s competitors and has harmed competition and innovation in the markets for UMTS and LTE baseband chipsets. The contract between Qualcomm and the manufacturer containing the exclusivity clauses is still in force.

Predatory pricing Statement of Objections

The second Statement of Objections takes the preliminary view that between 2009 and 2011 Qualcomm engaged in ‘predatory pricing’ by selling certain baseband chipsets at prices below costs, with the intention of hindering competition in the market. This conduct appears to have taken place at a time when Icera posed a growing threat to Qualcomm in the leading edge segment of the market, offering advanced data rate performance. In the Commission’s preliminary view, Qualcomm reacted to that threat by selling certain quantities of its UMTS baseband chipsets to two of its customers at prices that did not cover Qualcomm’s costs, with the aim of forcing Icera out of the market.

[…]

Qualcomm ha tempo fino ad aprile 2016 per rispondere alle accuse ed evitare la multa della Commissione Europea. Queste accuse vanno ad aggiungersi alla già difficile situazione della società, che ha affrontato un pessimo trimestre con crollo degli utili e previsioni di licenziamento del 15% del personale.

Via: The VergeFonte: Commissione Europea
  • Pavel Rizzo

    I primi si chiamano accordi commerciali, i secondi sono affari dell’azienda. Se vogliono star in perdita pur di ostacolare la concorrenza va bene: i soldi son loro

    • Pocce90

      non sarebbe concorrenza sleale?

      • Pavel Rizzo

        Perché mai ? È come quando un’azienda di nettezza urbana paga il comune per avere la licenza di raccogliere lei il pattume, mentre prende i soldi raccolti tramite le tasse sui rifiuti.
        Non sono esperto di queste cose ma dovrebbe essere una situazione simile

        • Pocce90

          Ecco hai appena descritto una tangente, non è una azienda di nettezza urbana a pagare il comune per lavorare, il comune deve pagare l’azienda per farsi pulire le strade, deve fare un concorso e l’azienda che costa meno e rientra nei requisiti viene scelta, poi il comune fa pagare le tasse dell’immondizia ai cittadini per pagare l’azienda…se l’azienda da soldi a un comune per essere scelta vuol dire che da tangenti. Secondo te una domestica deve pagare per pulirti casa? Al contrario una domestica può offrirti sesso per lavorare, cosi ha posto fisso assicurato in cambio di qualcosa di ingiusto e sleale nei confronti delle altre domestiche che vogliono solo lavorare in regola.

        • ilcampione

          la leggerezza con cui lo hai scritto è straordinaria, ormai riteniamo normale anche l’assurdo (per fortuna Pocce90 ti ha spiegato il tutto).

          Per quanto riguarda la questione di qualcomm è ovviamente illegale fare un’azione del genere e NO non sono fatti dell’azienda per un semplice motivo: in nessun mercato è possibile creare un monopolio tanto meno in questo modo –> e questo a tutela dei consumatori (cioè anche di te Pavel Rizzo). Tutti sarebbero bravi ad usare questa tecnica ed è per questo che è proibita (un caso simile, per capire il ragionamento, ma non identico è quello di IE quando UE è intervenuta)

  • the

    Che senso ha che un venditore paghi per vendere dei prodotti? O hanno corrotto qualcuno con potere decisionale all’interno dell’azienda o in sostanza hanno fortemente scontato i propri prodotti.