Sicurezza lock screen istock final

Google può accedere ai device pre-Lollipop, Apple a quelli pre-iOS 8

Nicola Ligas

Secondo un documento dell’ufficio legale del distretto di New York (PDF), le password di blocco di versioni di Android precedenti alla 5.0 Lollipop sono resettabili da remoto da parte di Google, se a questo fosse ordinato di farlo da una corte, in modo da permettere agli investigatori di accedere ai contenuti del dispositivo. Per quanto riguarda il mondo Apple, solo i dispositivi con iOS 8 o superiori non possono essere bypassati da remoto.

Il motivo è da ricercarsi nella crittografia della memoria interna, che è stata introdotta sui Nexus da Lollipop in poi, anche se, ad essere precisi, Google l’ha resa obbligatoria per tutti i dispositivi, e sotto certe condizioni, solo di recente.  Medesime considerazioni valgono per Apple ed iOS.

LEGGI ANCHE: Quanto la crittografia ha influito sulle performance di Nexus 6

Ricordiamo che, per abilitare la crittografia su Android, l’opzione si trova spesso in impostazioni -> sicurezza, ma che come conseguenza ci sarà una diminuzione di performance di I/O del dispositivo, più o meno sensibile.

Via: The Next Web
  • L0RE15

    questo mette in seria difficolta’ il concetto di privacy e liberta’…d’accordissimo ad usare ogni metodo per contrastare, placcare e stanare chi delinque, ma chi mi garantisce che talo strumenti non possano essere abusati o rubati ed utilizzati impropriamente? il garante?! beh, stiamo freschi! la privacy o c’e’ o non c’e’, non e’ una cosa che puo’ esistere a meta’…prendiamo coraggio e decidiamo se vogliamo la privacy personale in tutto e per tutto oppure se, in nome della sicurezza o di quello che volete voi, e’ meglio levarla del tutto…

    • Marco Raimondi

      Grandissima riflessione! Grande man! Si ci vorrebbe proprio una presa di posizione al riguardo, e decidere! Inutile lamentarsi e basta!

      • Stefano Mastrocinque

        Beh, penso che LORO l”hanno già presa la decisione, levarci la privacy 🙂

        • L0RE15

          loro chi? i governi? dai, ammettiamolo che la privacy non e’ mai esistita e mai esistera’…le pantonime che abbiamo visto a riguardo negli ultimi 10-15 anni sono solo i classici “contentini” che si fanno finta di dare con una mano e si tolgono con l’altra! Siamo (e ci trattano come) una massa si schiavi e spessp e volentieri non vogliamo rendercene conto perche’ fanno in modo di lasciare tutto sul filo del rasoio, al limite, facendoci bere e portandoci a crederere di vivere in una realta’ ben diversa da quella che, in realta’, sotto-sotto e’…e gran parte del popolo (bue, che agisce come greggi di pecore) abbocca in pieno…

  • davide

    E se ci fare caso questo NON è quello che Google ha detto dopo le rivelazioni di Snowden, accedere ai dati su richiesta delle autorità con un mandato è un conto ma accedere al contenuto(anche offline) di qualunque cellulare android è un altro.