Kill Shot Bravo è il gioco per i “camperoni” (foto e video)

Giorgio Palmieri Occhio: "camperoni" non "camperisti". Sono due cose ben diverse.

Il camper è un mezzo di trasporto che permette ai passeggeri, grazie al suo allestimento, di soggiornare all’interno di esso. Coloro che utilizzano abitualmente il camper vengono chiamati camperisti. Il fenomeno dei camperoni, invece, è tutt’altra cosa. È una brutta bestia.

I cosiddetti camperoni sono quei videogiocatori che negli sparatutto rimangono fermi, immobili, radicati in un punto preciso della mappa per tutta la durata della partita, al fine di macinare uccisioni, nascosti dal fuoco nemico. È una pratica sì legale, ma anche da codardi.

Siete quel tipo di gamer? Amerete Kill Shot Bravo.

LEGGI ANCHE: Jason Statham sembra in forma in questo gioco. O forse no

Parliamo infatti di un titolo decisamente troppo simile ai lavori di Glu, i quali già si assomigliano abbastanza l’un l’altro. Vestirete i panni di un killer, eclissato dalla realtà, impegnato a uccidere i suoi nemici nella più totale tranquillità.

Visuale in prima persona, buona grafica, livelli molto brevi, un bel po’ di acquisti in-app (almeno è gratuito), insomma, sapete a cosa andate incontro scaricando questo Kill Shot Bravo: solo non dite in giro che non vi avevamo avvisato.

App Store badge

Play Store badge