google app linguaggio naturale

Google Now è capace di capire il linguaggio naturale ma non pretendete troppo in italiano

Lorenzo Quiroli

Interpretare il linguaggio naturale, quello che utilizziamo tutti i giorni per comunicare con amici e altre persone, è una delle sfide più grandi per una macchina ma Google Now non vuole tirarsi indietro e annuncia oggi di aver compiuto un notevole passo in avanti.

I server di Google saranno infatti in grado di comprendere le ricerche vocali ricavare le informazioni chiave: l’esempio è la domanda “Chi era il presidente degli Stati Uniti quando è nato Einstein?”. L’app, anche in italiano, è in grado di rispondere correttamente, sfoggiando un’ottima capacità di discernimento.

LEGGI ANCHE: È Siri il miglior assistente vocale?

Google sottolinea come sia in grado di ordinare liste presenti nel knowledge graph in caso facessimo uso di superlativi e di limitare le sue ricerche temporalmente. Purtroppo non tutte queste novità sono già state implementate in lingua italiana: potreste essere fortunati con alcune domande, ma altre vi proporranno la solita ricerca web.

Google now linguaggio naturale

Fonte: Google
  • Matteo Bottin

    DISCUSSIONE COSTRUTTIVA MODE ON
    Con il progredire del riconoscimento vocale, secondo voi l’assistente vocale dovrebbe essere “spietato” o “accondiscendente” con le risposte?

    Es: “Ok google, questa maglietta mi ingrassa?”
    Spietato: “Effettivamente ti fa assomigliare ad un capodoglio”
    Accondiscendente/Marito impaziente: “Ma no amore, stai benissimo. Hai 40 minuti per arrivare all’appuntamento fossato tra mezz’ora.”

    • Simone Del Gatto

      spietato!

    • Mattia

      Mettiamo uno switch e siamo a posto

    • Okazuma

      Spietato.
      Si vedrebbero meno balenottere strizzate in pantaloni troppo stretti e magliette troppo corte

    • Psyco98

      L’opzione che fa meno danni, anche spietato in caso serva.
      “Chissene della maglietta, sei in ritardo di 15 minuti. Mi disattivo finché non sarai arrivata”

    • fossato non è un typo per fissato ma un invito indiretto a buttarsi giù dal primo dirupo.

  • Gianni

    A me e’ rimasto scemo..