7.5

Battle-Supremacy-Evolution-19

Battle Supremacy: Evolution, tanta spettacolarità, tanto potenziale ma qualche difetto di troppo (recensione)

Lorenzo Delli -

La software house Atypical Games è particolarmente attiva nel campo dei simulatori arcade di volo e anche in giochi open world, come ad esempio il famoso Radiation Island, dotati di una buona libertà di azione e di un motore grafico tridimensionale curato e sorprendente, considerato che si tratta di titoli dedicati alla piattaforma mobile.

Battle Supremacy: Evolution, l’ultima fatica della software house in questione, non è certo da meno, e già dai primi screenshot e dal trailer di gioco non si può non rimanere sorpresi dalle sue dote grafiche e dal gameplay che propone battaglie fantascientifiche a bordo di mezzi futuristici in grado di trasformarsi. È tutto oro quello che luccica? Purtroppo no, e per quanto il biglietto da visita di Battle Supremacy: Evolution sia davvero attraente, il prodotto finale presenta dei difetti che potevano, con un po’ di accortezza, essere del tutto evitati.

LEGGI ANCHE: X-Mercs è un gran bel RPG tattico gratuito per iOS (foto e video)

Purtroppo già i primi minuti di gioco evidenziano uno tra i più sostanziosi difetti del titolo di Atypical Games. Si viene infatti gettati nella mischia senza troppe spiegazioni: un tutorial ci illustrerà i comandi base e ci introdurrà nelle ampie ambientazioni che caratterizzano i vari livelli di Battle Supremacy: Evolution, ma di fatto la cornice di gioco non viene caratterizzata in alcun modo. Non vi sono informazioni a riguardo dei due schieramenti che si danno battaglia per risorse e per punti strategici coinvolgendo ambienti civilizzati e strutture di vario genere, non vi sono personaggi, o un qualche genere di voce narrante che ci guida lungo la storia. Di fatto, non c’è una vera e propria storia che caratterizza la campagna a giocatore singolo del titolo. Meglio nessuna storia che una storia banale? Forse, ma di fatto con poco sforzo, adattando quanto già fatto, si poteva cercare di rendere il tutto più coinvolgente.

Carro armato, drone, aereo

Il punto focale del gameplay di Battle Supremacy: Evolution è sicuramente la possibilità di pilotare mezzi in grado di trasformarsi al nostro comando in carro armato, drone (una sorta di elicottero, ma con i reattori) e aereo. Capirete quindi quanto possa essere coinvolgente affrontare le varie battaglie adattando il proprio mezzo a seconda dell’avversario che incontreremo o anche a seconda del nostro stile di gioco. Ovviamente l’aereo offre una mobilità ed una velocità senza eguali, a discapito però dell’armatura e della precisione: attaccare mezzi di terra alle velocità imposte da questa trasformazione può infatti rivelarsi particolarmente ostico. Il drone offre il vantaggio della posizione sopraelevata a discapito però della mobilità offerta dall’aereo, mentre la trasformazionetank” offre la possibilità di affrontare con più facilità eventuali bersagli di terra e permette di sfruttare edifici, alberi e colline per nascondersi da pericoli aerei.

Una tale scelta di possibilità deve offrire anche un comparto controlli adeguato, ed in effetti il lavoro svolto da Atypical Games in tal senso è più che sufficiente. Controllare il veicolo di terra sarà piuttosto semplice, visto che con un pad virtuale sarà possibile controllare i movimenti e con l’altro la telecamera per mirare i bersagli. La faccenda si fa un po’ più complessa per quanto riguarda i veicoli aerei, specialmente per la modalità drone. Il doppio pad virtuale permetterà di regolare potenza dei motori, altitudine e telecamera, e almeno inizialmente potreste fare un po’ di confusione e prendere qualche colpo di troppo. Dopo qualche livello non ci farete comunque più caso, ed è inoltre da segnalare la piena compatibilità con i controller MFi di Battle Supremacy: Evolution.

Campagna e Multiplayer

Battle Supremacy: Evolution offre due modalità di gioco: una campagna singolo giocatore composta da un gran numero di missioni (un centinaio) e una modalità multigiocatore che sfrutta le ambientazioni incontrate nella campagna facendo scontrare i giocatori a squadre. Purtroppo solo le prime 12 missioni della campagna sembrano avere un senso e un qualche genere di trama. Le successive, suddivise in gruppi di 10, sono piuttosto ripetitive e caratterizzate più o meno dallo stesso grado di difficoltà. Hanno comunque una loro utilità: ogni missione ci permette di guadagnare dei punti utili per sbloccare e potenziare nuovi veicoli.

Battle Supremacy: Evolution su un iPad mini di terza generazione

Tali veicoli, oltre a risultarci utili nella campagna, possono essere sfruttati per i match in multi giocatore. Se avete intenzione di sfruttare la modalità online vi consigliamo di farvi le ossa (e di sbloccare i veicoli più potenti) prima di lanciarvi in combattimenti contro altri giocatori.

Anche a proposito della modalità multiplayer non possiamo esimerci dal criticare le scelte fatte dal team di sviluppo. Vista la cura nella realizzazione dei livelli, del gameplay e dei veicoli, la componente online poteva davvero avere tanto da dire, ma purtroppo, una volta premuto sul tasto “Multigiocatore” verrete lanciati in match già avviati o creati ex-novo senza la possibilità di creare stanze, di decidere la modalità di gioco o di entrare in un particolare gioco. Davvero un peccato.

7.5

Giudizio finale

Giocando a Battle Supremacy: Evolution si ha quasi la sensazione di giocare ad un titolo non completo. È infatti molto probabile che la software house abbia subito delle pressioni per pubblicarlo in occasione del lancio di Apple TV (con cui Battle Supremacy: Evolution risulta compatibile) è che per rispettare i tempi si sia cercato di tappare dei buchi quanto più velocemente possibile. Come accennato la campagna singolo giocatore è ripetitiva e solo alcune missioni sembrano avere senso, il comparto multi giocatore risulta incompleto e persino il doppiaggio della voce che ci guiderà lungo le missioni è piuttosto piatto e ripetitivo.

Ciò nonostante, il gameplay è più che sufficiente e i vari livelli, nonché le sfide online (seppur casuali), sapranno comunque divertirvi e sorprendervi. Non bisogna infatti scordarci che si tratta di un gioco per dispositivi mobili neanche troppo pesante rispetto ad altri titoli più blasonati. La speranza è che Atypical Games vada a migliorare ulteriormente l’esperienza utente migliorando ed ampliando quanto di ottimo ha da offrire il titolo. Vi ricordiamo che Battle Supremacy: Evolution è disponibile sull’App Store a 4.99€ senza ulteriori acquisti in-app e che è possibile trovarlo anche sullo store virtuale della nuova Apple TV.

PRO CONTRO
  • Niente acquisti in-app
  • Grafica sorprendente
  • Veicoli trasformabili
  • Compatibilità con i controller
  • Multiplayer
  • Poco caratterizzato
  • Missioni ripetitive
  • La modalità multiplayer poteva essere curata maggiormente
  • Comparto sonoro non adeguato

App Store badge

  • Raiden

    dovrebbero farci un gioco di robotech/macross cosi visto che questo un pò lo scopiazza già