WeChat e le altre app di chat asiatiche guadagnano infinitamente di più di WhatsApp

Giuseppe Tripodi -

Parlando di app di messaggistica istantanea, non si può certo dire che manchino le alternative: WhatsApp è generalmente considerato il leader del settore, con i suoi 900 milioni di utenti attivi, ma la concorrenza è molto agguerrita, specialmente dal mercato cinese dove trionfano altri software come WeChat e LINE.

A tal proposito, secondo quanto riferito da Activate alla conferenza WSJD Live, le app asiatiche di messaggistica mediamente guadagnano molto (ma molto!) di più sui singoli utenti rispetto alle alternative occidentali: parliamo di circa 7$ ad utente per WeChat, 4,24$ per KakaoTalk e 3,16$ per LINE. Per fare un confronto, WhatsApp guadagna in media 0,06$ (sei centesimi) ad utente, Viber 1 centesimo mentre Messenger non porta (direttamente) alcun guadagno a Facebook.

Tirando le somme, WeChat arriva a circa 4,2 miliardi di dollari con i suoi 600 milioni di utenti attivi, LINE circa 632 milioni di dollari dalle 200 milioni di persone che utilizzano il servizio mentre WhatsApp solo 54 milioni di dollari, nonostante gli oltre 900 milioni di utenti attivi.

LEGGI ANCHE: Tutti i numeri di WhatsApp in un’infografica

Le ragioni dietro questa discrepanza sono da ricercare nella vendite in-app: mentre WhatsApp guadagna solo sugli abbonamenti annuali, WeChat e LINE vendono sticker, app e giochi all’interno dell’applicazione stessa.

Infine, c’è da tenere presente che i guadagni andranno ad aumentare: secondo Activate, le app di messaggistica otterranno 1,1 miliardi di nuovi utenti entro il 2018, di cui 579 milioni di nuovi utilizzatori in Medio Oriente e Africa e 256 milioni in Asia.

Via: PhoneArena