L’Antitrust multa Vodafone, TIM, Wind e 3 Italia per i servizi a pagamento non richiesti

Lorenzo Quiroli -

Continua la saga dei servizi a pagamento o in abbonamento non richiesti con la sentenza dell’Antitrust che ha deciso di multare gli operatori telefonici italiani per un totale di 1,733 milioni di euro divisi tra Vodafone (400.000€), TIM (583.000€), 3 Italia (400.000€) e Wind (350.000€).

LEGGI ANCHE: L’Antitrust indaga su Vodafone, TIM, Wind e 3 Italia per la truffa dei servizi in abbonamento

Queste sanzioni sono state disposte a causa della mancata ottemperanza ai provvedimenti del 13 gennaio scorso, i quali richiedevano un consenso esplicito per l’attivazione di servizi premium. In particolare l’Antitrust richiede che l’attivazione di questi servizi in abbonamento non possa avvenire attraverso un click accidentale, ma debba essere predisposta una procedura che fornisca un livello di protezione superiore per gli utenti.

3 Italia ha predisposto, ma solo dal 1 ottobre 2015, una pagina sotto il suo controllo che funge da modello di acquisizione del consenso dell’utente basato su doppia digitazione, in modo da impedire che il servizio si attivi accidentalmente, mentre per Vodafone, TIM e Wind c’è ancora la completa inottemperanza alle norme. A seguire trovate i testi delle delibere.

Fonte: Mondo3