RePhone

Con RePhone trasformate qualsiasi cosa in un telefono (video)

Giuseppe Tripodi -

Volete un telefono nuovo ma non volete affidarvi ai classici marchi blasonati? Se volete sperimentare qualcosa di particolare, potete affidarvi a RePhone.

Si tratta di un dispositivo componibile, a partire anche solo dal singolo circuito con lo slot per la SIM, a cui è possibile aggiungere vari moduli tra cui touchscreen, fotocamera, Bluetooth, NFC etc.

La particolarità di questo telefono è di non avere neanche un case: potete utilizzare il kit di default per realizzarne uno in cartoncino rigido, ma anche realizzarne uno grazie alla stampante 3D o anche attaccarlo ad oggetti esistenti che volete trasformare in telefoni.

LEGGI ANCHE: Filmati più stabili anche da smartphone con solidLUUV

RePhone è (ovviamente!) open source e i creatori forniscono librerie per interfacciarsi tramite Arduino IDE, Lua e Javascript. Inoltre, questo particolare kit supporta IFTTT ed è compatibile con Arduino e Pebble Time (a cui può dare capacità telefoniche).

RePhone è attualmente in fase di finanziamento su Kickstarter, ma ha già abbondantemente superato i 50.000$ necessari, nonostante manchino ancora 35 giorni al termine della campagna. Se volete saperne di più, guardate il video in fondo e fate un salto sulla pagina Kickstarter del progetto.

Via: TechCrunch
  • Il link al progetto su Kickstarter non funziona (porta ad un altro articolo).

    • Giuseppe Tripodi

      It’s not a bug, it’s a feature!

      Ovviamente scherzo, avevo sbagliato a incollare il link. Grazie della segnalazione, corretto 🙂

  • Kuero

    Come farà la gente comune a programmarsi il proprio device? Già io che ho dei fondamenti non saprei da dove iniziare…

  • davide

    bella idea ma spero che propongano anche dei display piu grandi per permettere di relalizzare degli smartphone più “effettivi” direi almeno 4/4,5″ ma anche 5

  • Vaulenst

    posso trasformare questo articolo in un telefono? (cit.)

  • Davide Arcuri

    mi sfugge qualcosa…nel video,la batteria dov’è?