I selfie uccidono più degli squali (foto e video)

Giuseppe Tripodi -

Un turista giapponese di 66 anni è morto qualche giorno fa, cadendo dalle scale mentre tentava di scattarsi un selfie al Taj Mahal. E con lui sale a 12 il numero delle vittime dei selfie nel 2015, ossia persone che sono decedute nel tentativo di ritrarsi in un autoscatto.

Per fare un confronto, le morti causate da attacchi di squali quest’anno sono state solo 8.

morti selfie vs squali

Sembra quasi uno scherzo ma a quanto pare i selfie uccidono più degli squali: le morti causate da un mix di distrazione e situazioni pericolose in cui ci si caccia per l’autoscatto perfetto sono più alte di quanto non vorremmo credere.

LEGGI ANCHE: Specchio, servo delle mie brame, qual è il miglior selfie phone del reame?

Ma d’altronde non dovrebbe sorprendere troppo: i selfie sono diventati un fenomeno di massa e, spesso, una vera e propria ossessione. Se probabilmente tutti voi ricorderete il video diventato virale del ragazzo che subisce un calcio dal treno in corsa (lo trovate in fondo), ci sono tantissime altre situazioni pericolose legate agli autoscatti di cui difficilmente ci arriva notizia, come chi cerca di fare un selfie durante la corsa dei tori di Pamplona o un parco del Colorado che ha chiuso perché i turisti continuavano a scattare selfie con gli orsi, infastidendoli.

Addirittura, lo scorso luglio il ministro degli interni russo ha pubblicato una brochure in cui spiegava i rischi degli autoscatti (immagini in basso).

Concludiamo specificando che, ovviamente, questi dati non hanno alcun valore statistico e che un selfie può essere una distrazione come qualsiasi altra cosa. Tuttavia, il nostro consiglio per il vostro prossimo autoscatto è di ricordare questo articolo: potrebbe sembrare un avviso scontato, ma rischiare una caduta (o peggio!) per qualche Like non è affatto una buona idea.

Via: Mashable