App Store Logo

Apple sta prendendo provvedimenti per evitare un altro caso XCodeGhost

Giuseppe Tripodi

Venerdì inizieranno ufficialmente le vendite di iPhone 6s / 6s Plus, ma negli ultimi giorni l’attenzione rivolta ad Apple non è stata del tutto positiva: si è infatti parlato molto di XCodeGhost, ossia una versione modificata di XCode distribuita in Cina che ha causato la distribuzione su App Store di app infette da malware.

In un’intervista al sito cinese SinaPhil Schiller ha assicurato che la società si sta muovendo per evitare che possa verificarsi un problema simile in futuro: la causa principale del perché gli sviluppatori hanno scaricato la versione contraffatta di XCode è la lentezza del download dai server statunitensi. Secondo Schiller, scaricare il tool di sviluppo dagli USA impiega circa 25 minuti, ma in Cina può volerci fino a tre volte tanto.

Per questo motivo, Apple ha intenzione di rendere disponibili dei mirror in territorio asiatico, in modo che gli sviluppatori non si trovino più in condizione di essere tentati da versioni trovate su qualche forum.

LEGGI ANCHE: Ecco le app iOS infette da XcodeGhost

Ricordiamo che la società di sicurezza informatica Palo Alto Networks ha stilato un elenco di 39 app probabilmente infette, mentre Schiller ha comunicato che presto renderanno noti 25 software che sicuramente sono stati sviluppati con XCodeGhost.

Via: CNET