riso smartphone

Il riso non salva lo smartphone bagnato, facciamocene una ragione!

Nicola Ligas - Mettere un telefono bagnato ad asciugare nel riso serve a qualcosa?

A chiunque sia capitato di bagnare accidentalmente il proprio smartphone, o altro dispositivo affine, sarà capitato di sentir dire che una notte a riposo in una ciotola di riso poteva fare miracoli. E se anche non lo aveste mai sentito, una semplice ricerca su Google sarà sufficiente a farvi capire quanto popolare sia questo consiglio, che purtroppo, però, è solo l’ennesimo luogo comune.

L’origine di questa tecnica, che si basa sul fatto che il riso assorba l’umidità, un po’ come fa nelle saliere per evitare che il sale si addensi, risale in realtà a ben prima dell’avvento degli smartphone, ed in un certo senso potrebbe anche avere una sua logica. Nelle confezioni di molti dispositivi elettronici (e non solo) è presente, ad esempio, del gel di silice, un composto dotato di capacità assorbenti, quindi si potrebbe pensare che la cosa sia valida anche per gli smartphone.

Il problema maggiore è che non esiste una vera controprova al metodo del riso: molti lo usano, il telefono magari si salva, e pensano sia merito suo, ma non c’è modo di stabilire se le cose sarebbero andare in maniera diversa senza il suo impiego. Nel 2014 il sito Gazelle.com ha cercato però di fare un test, ottenendo scarsi risultati. Secondo la sua analisi il riso non ha effetto nell’assorbire l’umidità, mentre potrebbero farcela di più la sabbia delle lettiere dei gatti, il cuscus e l’avena. Un’indagine indipendente, commissionata da TekDry, un’azienda che si occupa del recupero di telefoni bagnati, ha concluso che è meglio lasciare lo smartphone all’aria, anziché chiuderlo in una scatola di riso (anche se si potrebbe obiettare che sia uno studio volto a spalleggiare TekDry stessa).

Il punto è che la cosa da non fare dopo aver bagnato il proprio smartphone, è accenderlo. Per questo motivo il tenerlo al chiuso in una scatola aiuta, anche solo ad evitare la tentazione di provarlo. La soluzione migliore è lasciare spento il telefono, in un posto ben aerato, per un giorno o più (dipende da quanto si è bagnato), in modo che l’acqua all’interno evapori naturalmente. Il riso non ha proprietà taumaturgiche: se un cortocircuito è già avvenuto non sarà certo lui a salvarvi, ed in generale è meglio l’aerazione che la chiusura in un barattolo. E soprattutto non abbiate fretta di accenderlo. E incrociate le dita, perché la fortuna è cieca, ma la sfortuna ci vede sempre benissimo.

Via: ilPostFonte: The Verge
  • Fighi Blue

    il mio è morto pochi giorni fa. Caduto nell’acqua ho levato la batteria, smontato completamente e lasciato ad asciugare. Per una settimana nessun problema…il 10 settembre si spegne e non si riaccende

    • Orlando Morrone

      Probabilmente ti è caduto a mare… credo che la cosa da fare subito se cade a mare è (spegnerlo se è ancora acceso e) immergerlo nell’acqua dolce… così da tentare la non ossidazione quasi sicura se caduto in acqua salata…

      • Fighi Blue

        mi hanno buttato in piscina con tutti i panni, quindi acqua dolce col cloro

    • Dario · 753 a.C. .

      certo. per via del processo di ossidazione che è molto lento.
      io invece ti avrei consigliato di tenerlo a bagno in acqua distillata per un po’ e poi sciacquarlo sempre in acqua distillata e farlo asciugare normalmente.

      • Fighi Blue

        col senno di poi avrei fatto così…solo che quando capita cerchi solo di salvarlo il più velocemente possibile

  • Simoubuntu

    Ma come, non attira più gli esperti cinesi che lo riparano durante la notte?! Mondo crudele!

    • tecnologiaperta

      la volevo scrivere io!!!

    • TheJedi

      Sono arrivato tardi di 7 ore D:

  • Un mio amico aveva un Sony Xperia Z2 ovviamente impermeabile..
    Un giorno gli cade e si rompe l’LCD, così decidiamo di ripararcelo da soli pagando solo l’lcd su internet (40 euro) invece di pagarne 180 alla sony dato che abbiamo un po di esperienza e tutto il kit di riparazione a disposizione.
    Effettuata la riparazione con successo però non ci accorgiamo che con il ricambio non originale le guarnizioni non potrebbero più garantire l’impermeabilità e dunque pochi giorni dopo, il mio amico lo immerge in acqua e Boom, telefono andato! Il telefono vibrava all’infinito e non dava segni di vita. All’ora decido nuovamente di smontarlo asciugarlo col fono e immergerlo nel riso per tentare il miracolo. Una settimana dopo lo assemblo e il telefono magicamente parte!
    Dopo questa esperienza io credo che il riso possa fare miracoli sopratutto se si è in tempo a spegnere, smontare il telefono e immergerlo subito nel riso.. ovvio che non può funzionare sempre ma può servire!

    • peterpulp

      All’ora e fono… Epic win. La lingua italiana ringrazia.

    • Alessandro

      questa è un po’ come quello che va a curarsi in ospedale, guarisce e poi va a ringraziare il signore…il telefono lo hai salvato tu asciugandolo smontato!

  • Okazuma

    Xperia Go usato sotto la doccia.
    Entra l’acqua dallo sportello USB (bastardo)
    Si blocca, lagga e poi buoio totale con macchhie d’acqua sotto il vetro
    2 giorni nel riso ed è tornato come nuovo XD

    • çřįştîåñò

      Che riso hai usato?

      Con il Carnaroli funziona poco, il Basmati è ottimo…

      • Okazuma

        Non so se scherzi ma ho usato il Basmati perché avevo solo quello

  • Fabio

    mac book pro completamente lavato dalla pioggia sotto ad una finestra lasciata aperta (maledetta mamma). 3 giorni nel riso e quel mac book funziona ancora (sono passati 2 anni)… io credo nella “forza del riso”

    • Fighi Blue

      io credo nella forza del culo invece 😛

      • Fabio

        e anche quella non guasta!!

    • peterpulp

      Tua mamma sarà contenta di aver un figlio che la maledice.

      • Fabio

        è ovviamente una maledizione in senso figurato… 😉

    • çřįştîåñò

      Io avrei messo la mamma a bagno nel riso…

  • Dario · 753 a.C. .

    secondo me la cosa migliore se cade in acqua è metterlo subito a bagno (senza batteria se possibile) in acqua distillata e poi fare diversi sciacqui in acqua distillata. e poi lasciarlo asciugare normalmente.

    ho salvato un cordless facendo così.

    • M.5.0 il ℵυℜคgĭco

      Un po come combattere il fuoco col fuoco XD

      • Srnicek

        Beh se cade in acqua salata sicuramente meglio sciacquarlo sotto l’acqua dolce prima di fare qualsiasi altra cosa

        • M.5.0 il ℵυℜคgĭco

          D’accordissimo!

    • Alessandro

      è l’unica cosa buona da fare…farlo asciugare se ha preso acqua normale non farà altro che favorire l’ossidazione dei circuiti (non subito, quando si romperà tra mesi non vi verrà in mente che era stato il bagno a romperlo). la cosa migliore sarebbe di metterlo a bagno in acqua distillata, si togliendo la batteria, ma anche aprendolo e asciugandolo a mano con l’aiuto di un phon (se evitate ti metterlo a 5mm dai circuiti non si frigge nulla). solo che quanti sono in grado di farlo? e soprattutto subito dopo il danno?

      • Dario · 753 a.C. .

        Io lo feci col cordless. Infatti funziona bene

    • a’ndre ‘ci

      anche senza fotocamera, speaker e microfoni.. quelli possono essere danneggiati anche dall’acqua distillata…

      nel caso non si abbia acqua distillata, anche l’alcool PURO è perfetto (occhio che molto di quello casalingo è diluito)

  • Mattia Angius

    si è vero l’ha fatto carlo

  • frankxb

    Ma è normale!? se il dispositivo si è già bruciato il riso non serve ad una mazza….se per sfortuna il telefono cade nell’acqua la prima cosa da fare è togliere la batteria il più velocemente possibile. Non bisogna riaccenderlo!!

    il riso o il sale serve a togliere l’acqua che è entrata dentro le fessure e quindi asciuga lo smartphone per una sicura riaccensione…
    il riso non ripara il telefono xD

  • xbukowskyx

    pensare che ieri ho fatto un risotto allo smartphone…..na bontà

  • Dario · 753 a.C. .

    ma quanto tempo va tenuto a cuocere?

  • Alessandro Colonna

    Ah, e io che avevo dato tutto al merito al riso… E va be, ci ho comunque guadagnato un ottimo risotto.

  • zooner!

    ahaha confermo…un mio amico settimana scorsa ha affogato il suo iPhone nel borsone del calcetto e nonostante una notte nel riso gli abbiamo fatto un bel funerale e ora gira con un Samsung corby

  • dgero83

    Il mio caduto nel water bello pieno, lavato con il sapone e messo ad asciugare sopra il calorifero. Funziona ancora 4 anni d dopo. Viene usato come dumbphone ormai, ma va a busso! Niente riso!

    • Alessandro

      se ti capita a roma dopo l’asciugatura ti ritrovi un mattone di calcare

  • Tommy

    6/7 anni fa (non ricordo), metto in lavatrice i pantaloni insieme al mio iPod nano.
    Dopo 24h in terrazza e 24h in un bicchiere di riso lo riaccendo e niente, lo collego al computer per ricaricarlo e funziona perfettamente, ma la batteria non regge. Lo porto in assistenza e me ne rendono uno nuovo dopo 3 giorni!!!

  • henshin88

    le certezze di una vita
    come acqua tra le dita
    Cit.

  • Se7ev

    In attesa delle cure omeopatiche per gli smartphone xD

  • dwaltz

    Ho sentito dire che la cosa da fare sarebbe di immergerlo (spento) in una vaschettta piena di alcool. L’alcool espelle l’acqua senza danneggiare l’elettronica, e poi quando lo si estrae evapora da solo molto più facilemente dell’acqua,
    Nin ho mai provato.

    • filipank

      provalo e dimmi come va il display

      • Alessandro

        bisognerebbe vedere la colla per LCD che solventi usa…se non sono a base alcolica forse non gli fa nulla

    • Elblasco

      la cosa migliore e’ smontare il dispositivo è lavarlo bene aiutandosi
      con un pennello rigido imbevuto nella TRIELINA (BENZINA BIANCA) che non
      contiene percentuali di acqua,e con l’evaporazione naturale della stesa
      porta via i residui di acqua,cosi’ lo salvate di sicuro,è una procedura
      usata nei laboratori,ovviamente il TOP sarebbe poi completare il tutto
      con un lavaggio in vaschetta con solventi idonei al lavaggio con
      ultrasuoni , in modo da portar via eventuali residui . Comunque l’uso
      di fonti di calore sono sconsigliati,bisogna sempre far asciugare in
      modo naturale possibilmente in posti ben ventilati .

  • Prevedo un crollo nelle importazioni del riso

  • Gabriel Archangel

    il riso abbonda sulla bocca degli stolti

  • Davide Nobili

    Uhm, e la sabbia bianca usata per il WC dei gatti? xD
    Che poi sabbia non è, non so come si chiama

    • peterpulp

      Sepiolite

  • FedEx

    Bè io ho salvato il mio vecchio Next così…dopo che si era fatto una nuotatina in uno zaino Eastpak (tremendamente impermeabile), l’ho provato ad accendere, asciugarlo col phon, ma nulla. Poi dopo una notte nel riso (peraltro nemmeno in una scatola chiusa) è resuscitato magicamente. Se è vero o no non lo so, ma sta di fatto che il telefono è ancora qui.