U.S. Defense Secretary Carter listens to questions during a news conference at the Pentagon in Arlington, Virginia

Il Pentagono si allea con Apple per dispositivi militari indossabili

Giuseppe Tripodi

Il Segretario della Difesa statunitense Ash Carter ha riunito un consorzio di aziende e ricercatori per dispositivi con sensori flessibili che possano essere indossati dai soldati o applicati al corpo degli aerei da guerra.

Il governo degli USA finanzierà il progetto con 75 milioni di dollari, mentre le società, coordinate dall’Air Force Research Laborator, aggiungeranno altri 90 milioni di dollari. Infine, anche i governi locali daranno la loro parte, in modo che il finanziamento quinquennale arrivi alla cifra di 171 milioni di dollari.

Il consorzio è chiamato FlexTech Alliance e comprende 162 membri tra aziende, università e altri gruppi: tra i nomi noti, oltre Boeing e Harvard, si è recentemente aggiunta anche Apple.

Lo scopo di questa grande partnership è di realizzare dispositivi indossabili equipaggiati con sensori flessibili, che siano capaci di allungarsi, distorcersi e piegarsi senza riportare danni.

A proposito dei rapporti tra Apple e Washington, può essere interessante dare un’occhiata a questo interessante articolo del magazine online Politico a proposito della figura di Tim Cook e, in particolare, dei suoi rapporti con la politica statunitense, che sono generalmente più flessibili rispetto a quelli mantenuti da Steve Jobs.

LEGGI ANCHE: Tim Cook è il più grande leader del mondo secondo Fortune

Nonostante ci siano stati degli attriti tra le due parti, ad esempio per quel che riguarda la criptazione dei dati sull’iPhone (che non era ben vista dal governo statunitense), Cook è infatti aperto alla politica statunitense e questo accordo ne è una prova concreta.

Via: 9to5Mac