Force Touch iPhone 6S

Ecco come funzionerà il Force Touch su iPhone 6S e 6S Plus

Lorenzo Delli

Di conferme ne abbiamo avute oramai davvero molte: i nuovi Apple iPhone 6S e 6S Plus saranno dotati di pannelli Force Touch che andranno a replicare il funzionamento già visto su Apple Watch e sui nuovi MacBook.

La domanda però che è lecito porsi è: serve davvero a qualcosa il Force Touch sui display più ampi degli smartphone e dei phablet? Sono i primi fortunati utilizzatori dei nuovi dispositivi di Apple a darci un’idea di quello che sarà il funzionamento dei pannelli Force Touch su tali device.

LEGGI ANCHE: È iniziata la produzione di massa dei pannelli Force Touch per iPhone 6s

Secondo queste fonti, la versione iOS di Force Touch è denominata all’interno dell’azienda “Orb“, e il suo obiettivo è quello di offrire all’utente una serie di scorciatoie utili per evitare di dover aprire menu pieni di comandi aggiuntivi che potrebbero invadere tutto lo schermo. Proprio una di queste fonti ha fornito alcuni esempi di utilizzo:

  • Se un utente trova la sua destinazione su Maps, può sfruttare il Force Touch per far partire la navigazione verso quel punto senza premere sul pulsante di navigazione e successivamente sul pulsante di Start, evitandosi di fatto due passaggi.
  • Nell’applicazione per la Musica utilizzando il Force Touch su una traccia si apriranno tutta una serie di scorciatoie pre-impostate.
  • Il Force Touch si potrà sfruttare anche per far apparire scorciatoie premendo direttamente sulle icone delle applicazioni: premendo ad esempio sull’icona Telefono utilizzando il Force Touch si potrà andare direttamente alla segreteria.
  • Alcune delle gesture del Force Touch saranno riprese direttamente da quelle già viste nei nuovi MacBook: ad esempio premendo su un link su Safari sarà possibile visualizzare l’anteprima della pagina; stesso discorso per le mappe, per i contatti o per cercare la definizione di una parola.

Le medesime fonti confermano inoltre l’ottimo feedback restituito dal Force Touch e di quanto il suo utilizzo nel sistema sia piacevole e ben integrato. E voi che ne pensate dell’utilizzo di questa tecnologia sui display di smartphone e phablet?

Fonte: 9to5Mac