Hacking team

Hacking Team aveva compromesso vecchie versioni di BlackBerry OS

Giuseppe Tripodi -

Nelle ultime ore ha fatto parecchio discutere l’attacco informatico subito da Hacking Team, società italiana che vendeva software di spionaggio a diversi governi in giro per il mondo.

Gli hacker hanno diffuso via Twitter oltre 400 GB di dati, tra cui la lista dei clienti degli ultimi anni, i codici sorgenti di diversi tool e tanto altro. Al di là delle implicazioni etiche di cui si sta discutendo (è stato infatti svelato che Hacking Team vendeva i suoi software anche a governi dittatoriali), sono stati rivelati diversi strumenti realizzati per spiare gli smartphone, di cui uno in grado di violare vecchie versioni di BlackBerry OS.

LEGGI ANCHE: Un terzo degli iPhone aziendali sono vulnerabili

Mentre quasi non ci stupisce troppo di sapere dei tool per controllare Android, iOS e Windows Phone, fa discutere sapere che la società avesse violato anche BlackBerry, sebbene si parli solo di versioni ormai superate. Sfruttando una falla di Flash, infatti, il tool riusciva a carpire informazioni su BlackBerry OS 4, 5, 6 e 7. Niente da fare, invece, per BlackBerry OS 10, ultima versione che sembra essere al sicuro (almeno da questo software).

Infine, interessante notare che il tool per violare BlackBerry costasse meno di quello per iOS: nello specifico, 30.000€ per il primo, 50.000€ per il secondo. Se siete curiosi di scoprire di più di questo strumento, sappiate che i codici sorgente sono stati caricati su GitHub, dove potete dargli un’occhiata.

blackberry-hack-tool