batteria

La ricarica rapida danneggia le batterie nel tempo

Giuseppe Tripodi -

Quando si parla di batterie, c’è sempre chi sostiene tutto e il contrario di tutto. Sebbene molte credenze siano indubbiamente errate (e risalgono a quando utilizzavamo le vecchie batterie al nichel), altre sono ancora oggetto di discussione.

Come preservare l’autonomia del proprio smartphone è un tema di cui si discute spesso su Reddit, dove un utente ha recentemente postato un articolo scientifico che spiega perché la ricarica rapida danneggia le batterie.

I ricercatori che hanno condotto il test hanno esposto diverse batterie a 25 cicli di caricamento e scaricamento, osservando i cambiamenti nei vari accumulatori. I risultati hanno mostrato che, durante la ricarica rapida, alcuni atomi di manganese e nichel si staccano dalla struttura cristallina, il che porta a dei buchi negli elettrodi che arrivano fino a 100 micron (0,1 mm) di diametro. Le aree così danneggiate non possono più essere utilizzate per l’immagazzinamento d’energia.

Inoltre, l’autore del thread su Reddit, sottolinea che più velocemente carichiamo (o scarichiamo) una batteria a ioni di litio, più questa si surriscalderà. E, ovviamente, temperature più elevate portano ad un maggiore deterioramento dell’accumulatore.

LEGGI ANCHE: Usare lo smartphone durante la ricarica potrebbe rallentarne la velocità di ricarica

Se volete cercare di allungare la vita della vostra batteria, vi alleghiamo anche i tipici consigli che si danno (ma che magari non tutti conosceranno!), come riportati dall’autore:

  • In caso di inattività per periodi di 2 mesi o più è meglio lasciare la batteria a circa il 40% di carica
  • Quando possibile, cercate di mantenere sempre la batteria sopra il 20% di carica
  • Non utilizzate lo smartphone quando la batteria è al 100% e ancora in carica. La cosa migliore è scollegare il dispositivo, portare la carica al 60%-80% e poi riprendere a caricare
  • Quando possibile, utilizzate un caricatore realizzato per il vostro smartphone e, in generale, evitate i caricabatterie economici di ignota provenienza.
  • Spero che nessuno abbia sostituito la ricarica rapida alla ricarica tradizionale.
    Io che ho un Moto X 2014 (non un Pantagruele di batteria o un kenyota di autonomia) la uso giusto in situazioni di emergenza tipo “mi faccio la doccia e porto il cell dal 40% al 70% nel frattempo”

  • Bitace

    mamma mia! non ci sarei mai arrivato col puro ragionamento!

    • Mi stai davvero dicendo che sapevi che la ricarica rapida causa il distaccamento di atomi di manganese e nichel e dei fori negli elettrodi?
      Perché in tal caso avresti potuto scriverci un paper scientifico e pubblicarlo su sciencedaily 😉

      • Matteo Fabris

        Non sapevo il motivo, ma che la ricarica rapida danneggiasse le batterie si sapeva…
        la cosa migliore è la carica lenta, ovviamente in situazioni di emergenza la carica rapida e una manna, ma se lo carico di notte anche se ci mette 4 ore mi sta bene lo stesso…

        • Ma si sapeva da dove di grazie, che son tutti laureati in chimica, fisica e in ingegneria elettronica mo? O.o E se è un dato di fatto così assodato, perché adesso va così di moda e orde di persone se li comprano apposta gli smartphone così?

          • Ingorante

            D’altra parte è così!

          • TheAlabek

            Perchè sono utenti medi la maggior parte delle volte 😛

      • Okazuma

        Il fatto che lo Smart diventi bollente, qualche dubbio potrebbe farlo venire….
        Oggetto tecnologico + alte temperature = no buono

      • Graziano88

        Gli elementi coinvolti io non li sapevo, ma fisica e chimica l’ho fatta alle superiori. Il funzionamento della batteria al litio si basa (semplificando di molto) nel passaggio di ioni tra anodo e catodo. Nelle cariche rapide quello che avviene non è altro che un’accelerazione dei processi chimici di riduzione e ossidazione che produce più collisioni e genera così più calore. Chiaramente gli urti avvengono pure contro anodo, catodo e separatore rovinandoli. Il discorso è (molto) impreciso scientificamente ma rispecchia a grandi linee ciò che ha portato, anche me, a pensare che la carica rapida senza una modifica sostanziale della tecnologia delle batterie sia una boiata pazzesca.

        • Ingorante

          Scusami ma se vogliamo parlare di chimica, cerchiamo di essere precisi.
          Anodo e catodo collidono solo in sezione antablinda (per due in caso di ricarica veloce) e nello specifico nei moduli Ant e Ani che si surriscaldano provocando un elettrolisi osmotica negli elettrodi.
          Ne consegue, MI PARE OVVIO, che in caso di pretensionamento per ricarica rapida gli ioni attivi, accumulando troppa energia, come trazione per due scarichino pàstene nell’infrastruttura bitumata.
          Non per fare il saccente, ma solo per spiegare bene il procedimento.

          • Graziano88

            Ho troppo caldo per essere flammato. Accetto la tua spiegazione dettagliata ad un commento che era dichiaratamente impreciso perché era in risposta ad un altro commendo che definiva miracoloso il fatto di aver dedotto senza un articolo scientifico che la ricarica rapida su una comune batteria agli ioni di litio è una boiata che porta più rapidamente alla morte della batteria

          • Ingorante

            Perdonami, Graziano. Non era mia intenzione flammarti. Se sei dell’88 goditi bellezza e gioventù e non badare a noi, ormai vecchiotti, che ci divertiamo ricordando facezie demodè.

          • Ingorante

            P.S. Anzi… chiedo venia e faccio un’errata corrige. Ho scritto una cosa imprecisa che non interesserà a nessuno ma è fine a se stessa: ioni di litio posterdati. Non fosse così a temperature eccessive la batteria entrerebbe in anafestesia, collassando.

          • Gianluca Olla

            eh ma ant e ani per due, giusto? Perchè altrimenti mi salta l’equazione booleana.

          • Ingorante

            Ovviamente, esimio collega. Perdonami la svista! Ti ringrazio: senza la tua rettifica sarebbe potuto sembrare un discorso senza senso.

  • Ora stai a vedere che si inizierà a dire che iphone è migliore perché NON offre la ricarica rapida! 😉

    • Matteo Fabris

      Penso sia comunque disattivabile…o al massimo si usa un caricatore che non la supporta…
      io faccio così,ne ho uno con 5 usb e carico tutto con quello..

      • Davide Nobili

        Se Note4 è attivabile dalle impostazioni, io la tengo sempre disattivata e se mi serve in un particolare momento l’attivo.
        Però di default è abilitata.

  • Dario Scopelliti

    E prima erano le ricariche lente a danneggiare la batteria per l’elevato stress a cui si sottoponeva quest’ultima a ore e ore di ricarica. Ora esce che la ricarica rapida sia ancora peggio. Il mio Nexus 6 lo carico sempre da spento, mai una volta da accesso e con il caricatore TurboCharger (ripeto, da spento) non raggiunge mai temperature preoccupanti ed è sempre relativamente freddo. Se come dice l’articolo il problema è il calore che viene a generarsi bisognerebbe adottare solo alcune piccole precauzioni che giá tutti sappiamo e che ormai sono diventati luoghi comuni in termine di batterie.

    • Pelompimpero2

      “E prima erano le ricariche lente a danneggiare la batteria” ehhhhh??
      E chi diceva robe del genere??
      In elettronica è AMPIAMENTE risaputo che la carica veloce danneggia inevitabilmente (genera SEMPRE più calore) mentre la lenta garantisce la vita della batteria.

  • nba78

    Ma le batterie ,per una ragione o l’altra si sa che perdono efficacia nel tempo,la soluzione per quanto mi riguarda è semplice,il mio Note 3 Neo ha giusto un anno e la carica della batteria inizia a mostrare segni di cedimento,appena scende l’oltre l’accettabile con 20 euro ne prendo una nuova originale samsung e sono apposto.E qui vedo l’assurdità di fare smartphone con la batteria integrata,sapendo che quasi sempre è uno dei primi componenti a dare problemi o meglio lo capisco da parte dei produttori,non capisco i consumatori che hanno seguito questo tendenza.

    • StriderWhite

      Fanno apposta a farla integrata, così uno fa prima a sostituire l’intero smartphone piuttosto che sostituire solo la batteria, o comunque le aziende si fanno pagare 100 euro per una banale sostituzione di batteria, quando appunto loro la vendono a 20 euro (e costerà 5 euro, se va bene…)

  • Gigi

    Cavolo stavo giusto per prendere un caricatore certificato Quick Charge 2.0 e voi mi fate leggere ste cose 😀

    • Da notare che nel thread su Reddit l’autore indica specificatamente che il “problema” esiste anche utilizzando tecnologie certificate come Quick Charge.
      Sigh.

      • mikeb90

        ma è normale d’altronde. Cioè il quick charge è una tecnologia creata per le emergenze, e non per le cariche comuni.

  • Luca Giorgetti

    Ho un Xperia SP da due anni, lo ricarico solo quando la batteria è sotto al 20% facendo una carica completa, e solo con il caricabatterie originale, a carica lenta. La batteria non mostra alcun segno di deterioramento, è ancora come nuova.
    Basta trattare bene i telefoni.

    • Giuseppe

      Attenzione ai falsi miti. Le batterie agli ioni di litio non necessitano di particolari accorgimenti. Si richiede solo di non farle scaricare a fondo (sotto il 10%) e di tenerle a temperature non elevate (quindi una carica lenta è un’ottima cosa rispetto a quella rapida perché non fa salire la temperatura). Per il resto, perdono la propria capacità con il passare del tempo e dal numero di cicli di ricariche. Tutti gli accorgimenti che tenevamo con le vecchie batterie (scaricare prima di ricaricare, carica completa..) non hanno alcuna influenza sulle prestazioni delle batterie, se non quella di “scalibrare” lo smartphone. Ma basta una calibrazione e ritorna tutto apposto. Le batterie hanno una durata di circa 500 cicli di ricarica e/o circa due anni di vita.

      • MARCO RICCIOTTI

        Scusa una domanda , io ricarico il cellulare una volta ogni tre giorni quindi in proporzione la batteria dovrebbe durare pi di 2 anni

      • Yuto Arrapato

        e come si fa una corretta calibrazione dello smartphone?

  • Dario · 753 a.C. .

    a proposito di calore, a me il moto G in questi giorni mi arriva intorno ai 44°C. come vi pare?

    • TheAlabek

      Polo Nord rispetto al G2

      • Dario · 753 a.C. .

        quanto ti fa il G2?

        • TheAlabek

          Senza fare nulla, adesso, sono sui 45-50°
          Durante il giorno 50° praticamente fissi messaggiando con WA

          • Dario · 753 a.C. .

            ammazza…. no io i 44°C sul moto G li prendo solo sotto carica e navigazione intensa sotto 3G. per esempio io adesso senza far nulla sto a 31.

          • TheAlabek

            L’ho fatto arrivare ad 80° in multiwindows con navigatore e YouTube…alla faccia dell’810 tanto criticato… Non mi stupisce più

          • Dario · 753 a.C. .

            LOL… e io che mi stavo preoccupando del mio moto G a 44… ma scusa ma come fai a tenerlo in mano? io quando il moto G arriva a 44 inizia a darmi fastidio usarlo. ad esempio se devo chiamare non riesco a tenerlo attaccato alla guancia da quanto è caldo.

          • TheAlabek

            Oltre ad avere la flip cover, scalda praticamente solo nella zona fotocamera quindi evitando quella zona non si ha nessun problema… Uso sempre l’auricolare per le chiamate, in genere quindi non so dirti. Fortunatamente gli 80° li ho raggiunti solo quella volta, ma penso potrei replicare facilmente l’avvenimento

          • Dario · 753 a.C. .

            ah… a me scalda proprio il touch. senti proprio il caldo sui polpastrelli e diventa molto fastidioso da usare. non dico che è bollente ovviamente, ma è molto caldo il touchscreen

  • Davide Nobili

    Sì ma in sostanza di quando si deteriora in più rispetto a una carica normale?
    Letto così questo articolo non mi dice nulla.

  • Andromulo

    Perché non bisogna utilizzare lo smartphone quando la batteria è al 100 ed è ancora in carica?!
    Chi me la spiega questa?

  • Umberto Guarini

    SI PUO’ UTILIZZARE UN CARICABATTERIE A RICARICA LENTA SU SAMSUNG S6?

  • Oxygen

    – Cosa si intende per ricarica rapida ?
    – Usando i caricabatterie in dotazione, anche se a 2 Ampere o Turbo Charger si rischia di rovinare la batteria ?

  • Yuto Arrapato

    “Quando possibile, utilizzate un caricatore realizzato per il vostro smartphone e, in generale, evitate i caricabatterie economici di ignota provenienza.”

    e se quello realizzato originale per il nostro smarpthone è appunto a carica rapida?

  • Una batteria costa 22 30 euro su….

    • Cristiano Cento

      E quelli che l’hanno integrata (ormai tutti i top gamma) ?