La ricarica rapida danneggia le batterie nel tempo

Giuseppe Tripodi -

Quando si parla di batterie, c’è sempre chi sostiene tutto e il contrario di tutto. Sebbene molte credenze siano indubbiamente errate (e risalgono a quando utilizzavamo le vecchie batterie al nichel), altre sono ancora oggetto di discussione.

Come preservare l’autonomia del proprio smartphone è un tema di cui si discute spesso su Reddit, dove un utente ha recentemente postato un articolo scientifico che spiega perché la ricarica rapida danneggia le batterie.

I ricercatori che hanno condotto il test hanno esposto diverse batterie a 25 cicli di caricamento e scaricamento, osservando i cambiamenti nei vari accumulatori. I risultati hanno mostrato che, durante la ricarica rapida, alcuni atomi di manganese e nichel si staccano dalla struttura cristallina, il che porta a dei buchi negli elettrodi che arrivano fino a 100 micron (0,1 mm) di diametro. Le aree così danneggiate non possono più essere utilizzate per l’immagazzinamento d’energia.

Inoltre, l’autore del thread su Reddit, sottolinea che più velocemente carichiamo (o scarichiamo) una batteria a ioni di litio, più questa si surriscalderà. E, ovviamente, temperature più elevate portano ad un maggiore deterioramento dell’accumulatore.

LEGGI ANCHE: Usare lo smartphone durante la ricarica potrebbe rallentarne la velocità di ricarica

Se volete cercare di allungare la vita della vostra batteria, vi alleghiamo anche i tipici consigli che si danno (ma che magari non tutti conosceranno!), come riportati dall’autore:

  • In caso di inattività per periodi di 2 mesi o più è meglio lasciare la batteria a circa il 40% di carica
  • Quando possibile, cercate di mantenere sempre la batteria sopra il 20% di carica
  • Non utilizzate lo smartphone quando la batteria è al 100% e ancora in carica. La cosa migliore è scollegare il dispositivo, portare la carica al 60%-80% e poi riprendere a caricare
  • Quando possibile, utilizzate un caricatore realizzato per il vostro smartphone e, in generale, evitate i caricabatterie economici di ignota provenienza.