Pokémon Shuffle

Pokémon Shuffle: il puzzle game dei Pokémon in arrivo su Android e iOS! (video)

Lorenzo Delli -

Nintendo e The Pokémon Company annunciano l’arrivo su Android e iOS del puzzle game Pokémon Shuffle finora esclusiva della famiglia di console portatili Nintendo 3DS.

L’annuncio arriva direttamente sul sito ufficiale Pokémon e anche grazie ad un filmato su YouTube che ci mostra in azione il gioco. La notizia inoltre arriva a pochi giorni di distanza dal lancio di Pokémon Jukebox su Android, che dimostra una prima apertura proprio di The Pokémon Company nei confronti del robottino verde.

LEGGI ANCHE: Pokémon Jukebox debutta su Google Play

Pokémon Shuffle (si chiamerà in realtà Pokémon Shuffle Mobile) è in sostanza un classico puzzle game in stile match-3 in cui ci troveremo a dover affrontare e catturare una serie di Pokémon allineando vari altri Pokémon su un classico tabellone a scorrimento. Su Nintendo 3DS il gioco è stato scaricato da oltre 4,5 milioni di utenti e con tutta probabilità riuscirà ad avere un enorme successo anche su dispositivi mobili.

L’arrivo di Pokémon Shuffle è previsto entro la fine di quest’anno: il download sarà gratuito e saranno presenti acquisti in-app opzionali. Il gioco comunque non sembra far parte dell’accordo tra Nintendo e DeNA che prevede il lancio di un gioco a marchio Nintendo (questo sarà invece pubblicato da The Pokémon Company) sempre entro la fine di quest’anno. Pokémon Shuffle è di fatto il primo gioco dei Pokémon a sbarcare su Android mentre su iOS si annoverano Pokémon TCG Online, gioco di carte collezionabili, e Camp Pokémon, indirizzato ad un pubblico più giovane.

Via: IGNFonte: Pokémon.com
  • Mr.Bolla

    Spero solo che l’account 3DS (è uscito su 3DS non su DS) sia condiviso

    • “finora esclusiva della famiglia di console portatili Nintendo 3DS.”

      • Mr.Bolla

        “Su Nintendo DS il gioco è stato scaricato da oltre 4,5 milioni di utenti” (prima della modifica)

  • Premesso che appena uscito su 3DS ho immediatamente pensato “Ecco un Signor F2P! Un gioco del genere su smartphone farebbe finalmente scuola su come si fanno i VERI free to play!”, c’è anche da dire che non è un gioco dei Pokemon principale. Tecnicamente è uno spin off, per quanto un ottimo gioco, ripeto. Ed è questo genere di giochi che Nintendo ha intenzione di portare su smartphone, ancora in molti non lo hanno capito (o voluto capire). Sì, ovvio, i Pokemon sono un prodotto GameFreak, ma anche nell’accordo con DeNA c’è, ed è stato più volte ribadito, questa chiarissima intenzione. Insomma, non è ancora tempo per “sperare” di vedere un Pokemon X e Y, o un Pokemon Rubino Omega o Zaffiro Alpha, sui nostri dispositivi mobili, e meno che mai un Mario Kart 8 o uno Zelda come a volte leggo. Quelli sono e rimarranno su console specifiche Nintendo. Ripeto, detto e ribadito più volte. Poi su Internet tra rumor e sparate di commentatori da strapazzo se ne leggono di tutti i colori. Ma le dichiarazioni ufficiali, oltre che un minimo di conoscenza di Nintendo, della sua filosofia e delle sue dichiarazioni ufficiali recenti, suggeriscono solo una strada. Quella che ho esposto! 😉

    • Wailord

      Li portino subito, senza aspettare.
      Questo è uscito da mesi su 3DS e solo ora si sa che arriverà (in futuro) su smartphone. Doveva essere il contrario, perchè o sono talmente incompetenti (e non credo sia così) a programmare che sviluppare una versione richiede mesi di duro lavoro senza preoccuparsi dell’altra, oppure hanno ancora capito tutto del marketing.
      Il pubblico di riferimento che gravita intorno a Play Store e App Store è immenso, rispetto a quello dell’eShop. Sperando che ora si facciano una discreta pubblicità per far conoscere l’esistenza di questo gioco su smartphone.

      Pokémon Rumble World lo rilasceranno su smartphone, dove doveva essere rilasciato sin dall’inizio, nel 2018 inoltrato, se continuano così.

      • Ciao Wai! Anche tu da queste parti? 🙂 Stavolta temo di non aver capito a fondo il tuo disappunto: intendi dire che per te era meglio che prima uscisse su smartphone e poi su 3DS? Magari avrebbe anche avuto senso, per carità, ma stiamo parlando comunque di una piattaforma che (contrariamente a quanto vuole la vox populi, spesso pregiudizialmente ostile a Nintendo) detta legge nel campo gaming portatile tradizionale. Tuttora. Ci sono 70 milioni di 3DS distribuite nel mondo, che hanno garantito 4 milioni e mezzo di download per questo gioco. Un risultato eccezionale. Sono il primo a dire che Nintendo di marketing non ne capisce niente, ma dubito, in questo caso, che se lo avessero distribuito prima su iOS e Android, il risultato sarebbe stato tanto diverso. Piuttosto mi aspetto nell’immediato futuro uno sfruttamento di IP poco conosciute al grande pubblico come Starfox, Pikmin, AC (non Assassin’s Creed, ahah), magari W101, forse anche Splatoon, per creare spinoff su mobile che possano far conoscere quelle IP al grande pubblico, e magari farle interessare a seguire le saghe principali, ovviamente su console Nintendo. Pokemon, Mario e in parte Zelda li conoscono anche i muri. Non credo che il famoso ingresso di Nintendo nel campo dei giochi mobili sia stato fatto per questo, quindi nemmeno per Pokemon Shuffle (che infatti non rientra tra i giochi sviluppati in collaborazione con DeNA). Almeno questo vorrebbe una certa logica… Poi oh, stiamo parlando di Nintendo, e se c’è una cosa che abbiamo imparato in tutti questi anni, è che sono totalmente imprevedibili. Nel bene, e nel male! 😉

        • Wailord

          AndroidWorld sempre il meglio 😉
          Comunque intendevo proprio che dovevano partire dagli smartphone, ne esiste più di un miliardo in circolazione. 1000000000, per dire.
          Di 3DS poco più di 50 milioni, la differenza c’è. Senza contare che se solo meno di 5 milioni di utenti, un decimo del bacino d’utenza 3DS, ha scaricato un gioco che si installa in automatico, vuol dire che gli stessi utenti per la stragrande maggioranza non ha la console collegata ad Internet.
          Al contrario, su Android, iOS e perchè no, Windows Phone, trovi cento volte quella cifra. E di conseguenza aumentano le probabilità che hai di guadagnare da quel prodotto.

          Lo sfruttamento di IP che mi fanno presagire agendo così mi fa capire invece che si muoveranno per cercare di fare i big moneys e bella lì, cominciando a rilasciare millemila spin-off di Mario/Zelda/Pokémon/Animal Crossing per spremere più soldi possibili. Delle IP non fregherà a nessuno, anche perchè se vuoi far conoscere StarFox rilasci qualcosa prima dell’uscita di Zero. Fallout Shelter docet.