Apple Music

Apple nega di aver minacciato le etichette indipendenti

Andrea Centorrino

Apple Music sta certamente facendo parlare di sé, nel bene e nel male. Alcune etichette indipendenti avevano espresso pubblicamente il loro disappunto per le minacce (apparentemente) ricevute da Apple riguardo lo streaming senza pagamento di royalties nel corso dei 3 mesi di prova gratuita per gli utenti, e l’ipotetica rimozione della propria musica da iTunes Store per quelle etichette che non fossero d’accordo con i termini stabiliti. Tramite la nota rivista Rolling Stone, Apple nega tutto.

La vicenda è nata da un tweet di Anton Newcombe, frontman dei Brian Jonestown Massacre, in cui l’autore riportava la minaccia di Apple di rimuovere la sua musica da iTunes Store se non avesse permesso all’azienda di Cupertino di aggiungerla su Apple Music. Rolling Stone ha perciò contattato Apple, che tramite un suo rappresentante ha informato, in maniera molto stringata, che se gli autori non vorranno partecipare al progetto Apple Music, la loro musica non verrà rimossa da iTunes Store.

LEGGI ANCHE: 1989 di Taylor Swift non sarà disponibile su Apple Music

Ricordiamo che Apple Music arriverà il 30 giugno per dispositivi iOS, Android, Mac e Windows.

Via: iMoreFonte: Rolling Stone
  • Matteo Bottin

    Beh ovviamente tutti si aspettavano che Apple si mettesse davanti ai giornalisti e dicesse: “Si, li abbiamo minacciati! E, caspita, saremo pronti a rifarlo!”

    Un po’ come Tony Stark con “Io sono Iron Man”.