ios 9 contro android m

Android M contro iOS 9: qual è la beta più bella? (foto)

Lorenzo Quiroli

Ci sono più elementi che accomunano iOS 9 e Android M: entrambi sono in beta per gli sviluppatori, entrambi saranno rilasciati verso settembre / inizio autunno, sicuramente prima della fine dell’anno; infine, nessuno dei due ha stravolto il precedente OS, preferendo piuttosto qualche ritocco mirato.

LEGGI ANCHE: Le novità di iOS 9

Quale dei due è più bello? L’estetica è un fattore soggettivo e non essendo versioni definitive potrebbero esserci ulteriori cambiamenti, anche se piccoli. Potete dircelo voi dopo aver visto questo mini-confronto fotografico che mette a confronto l’interfaccia grafica del futuro dei due sistemi operativi più famosi al mondo.

Fonte: Phonearena
  • Axar

    A me piace di più ios9 (non sono di parte, ho android)

  • Solomon Taiwo

    Mi ricordo ancora quando android (stock) era definito il brutto anatroccolo degli OS

  • Shane Falco

    Android M hanno peggiorato il drawer a livello grafico, cmq in generale anche se di poco vince ios secondo me…

    • xRaska

      io invece adoro il nuovo drawer, lo trovo molto più ordinato e gradevole

  • Francesco Vaccarella

    Material Design è la nostra salvezza. Android M > iOS 9

  • Francesco Filiano Tucci

    Per una considerazione puramente estetica trovo più bello iOS9, così è sempre stato e probabilmente così continuerà ad essere. Tuttavia preferisco l`interfaccia Android, più ordinata e coerente. Le schermate di iOS (esclusa la home e la lockscreen che hanno lo sfondo) tendono ad essere monocromatiche e non si caratterizzano l`una dall`altra. A colpo d`occhio non è facile identificare gli elementi chiave. Nelle impostazioni, le diverse icone colorate, rendono il tutto confusionario. Ma dato che si tratta di un confronto estetico e non di versatilità e intuitività direi che vince iOS (utente Android)

  • Mattia

    Molto belli entrambi, davvero. Con iOS 7 Apple ha dato una bella svecchiata all’OS.

  • Matteo Zerbi

    Per me non c’è paragone, molto più bello android M. Il matetial design è secondo me un capolavoro. Ios mi pare piatto e slavato, insomma non mi entusiasma. Ovviamente parere personale!

    • Anche secondo me… Però i colori di Ios mi attirano, sopratutto nella Home..

  • FedEx

    Per molti aspetti preferisco iOS 9. Solo nella home apprezzo maggiormente Android M.

  • o registrati su Disqus

    Difficile scegliere, è anche un confronto tra uno stile vetroso e il material design, che sotto molti aspetti sono davvero distanti. Considerazioni sparse:

    – le icone nella homescreen di ios sembrano per qualche motivo sempre più ordinate e consone rispetto alla home di android;

    – la suddivisione dei menu di android mi sembra più efficace, però mi sembra che ios li “riempia” meglio (in termini di numero di opzioni, padding, grandezza icone);

    – I task mi sembrano più visibili e ordinati in ios;

    – Android deve rendere consistente la modalità di ricerca in tutto il sistena. Dopo la presenza costante della barra di ricerca google (con il suo stile, la sua animazione) vedere ancora l’icona di “magnifing glass” nelle impostazioni è veramente deprimente. A sto punto meglio una barra come in ios. O ancora meglio; vista la nuova ricerca contestuale di google now, facciamolo funzionare anche come ricerca predefinita per l’applicazione, com’era fino a gingerbread, dove c’era il tasto fisico dedicato alla funzione cerca (che sarebbe un’innovazione visto che ‘sta ricerca ogni app la implementa a modo suo)

  • Marco

    Il nuovo drawer di Android M fa veramente ribrezzo, spero rimettano quello vecchio.

    • Anche io lo trovo orrido :S

      • Lorenzomx

        Nova launcher is the way

    • the

      Credo non ci sia una persona al mondo a cui piaccia così com’è! Dal punto di vista dell’usabilità sembra ben pensato: sai il nome dell’app, vai alla lettera e la trovi. Credo (spero) che con la versione finale ottimizzino la gestione degli spazi, trovo inconcepibile che un quarto dello schermo resti bianco!

      • Fighi Blue

        a me piace…

      • Renzo_Mattei

        Io lo adoro. Il drawer così è decisamente più fruibile e meglio organizzato.

      • Marco

        Beh, con le app in ordine alfabetico, non è che avessi poi chissà quale difficoltà a trovarle nel drawer “vecchio”.

        • the

          In effetti si, giusto quando una lettera si accavalla tra due pagine, ma questione di mezzo secondo. La difficoltà vera è quando il nome dell’app viene tradotto!

  • Daniele Bagaglini

    Pur usandoli entrambi continuo a preferire la gestione degli spazi di iOS rispetto ad Android. Le bande colorate di Material Design sono inutilmente grandi per le informazioni che effettivamente presentano all’utente.

    • Lorenzomx

      Finalmente qualcuno che lo dice

    • the

      Penso sia una precisa scelta di ergonomia, se noti su android si cerca sempre di avere tutte le interazioni con l’utente sulla parte bassa dello schermo, al punto che quelle sulla barra colorata sono funzioni doppione: pensa al pulsante in alto a sinistra che fa comparire il menu laterale che può essere richiamato anche da uno swipe dal bordo sinistro, o lo spostamento tra liste/sezioni dell’app che si fa con swipe destra-sinistra anzichè schiacciare sulla relativa voce in alto. Questa scelta progettuale rende meno frustrante l’utilizzo di schermi grandi, io ho un note 4 e non ho alcun problema ad usarlo con una mano sola, anche se in realtà faccio fatica ad arrivare col pollice sulla parte alta. Al contrario ios ha il tasto indietro sempre sulla parte alta, che lo rende molto più scomodo da usare. Da questo deriva la decisione di andare su una diagonale da 4.7 pollici, quando i terminali di pari fascia android sono da anni attorno ai 5-5.2 pollici.

      • filippo

        material design fa un uso assurdo, in senso negativo, degli spazi, basta guardare la schermata delle impostazioni dei due os.
        senza considerare che il tasto back in alto a sinistra su iOS quando le app implementano le gesture non serve a nulla.
        casomai le scelte progettuali di google sono schizofreniche per l’uso della parte alta dello schermo, ci ha spostato praticamente tutto tranne il fab, ossia ha nascosto funzioni e ha allontanato altre funzioni mettendole nella parte alta dello schermo, iOS ha le cose importanti a portata di dito nella parte bassa dello schermo quando le app seguono le linee guida, vedi le app di sistema.

        • the

          dimenticavo che ios ha la gesture per tornare indietro con swipe da sinistra, ma mi sembra un mettere una pezza alla convinzione che lo schermo dell’iphone non sarà mai da più di 3.5″. Trovo comunque più elegante lasciare libera quella gesture per il menu laterale a scomparsa. Per quanto riguarda le impostazioni mi pare ci sia più spreco di spazio su ios: un gran fascione con scritto settings come su android, e un bel pulsante altrettanto grande per la ricerca (che almeno su android è integrato sul fascione colorato senza sprecare spazio), seguito da un bel rettangolone grigio vuoto! Se però quello che intendi è che le righe sono larghissime sono d’accordo, ma penso sia per renderle più comode da schiacciare!

          • filippo

            al contrario, apple ha pianificato, prima ha creato un OS e delle linee guida che ovviassero ai problemi degli schermi grandi mantenendo gli schermi piccoli, ha aspettato che le gesture diventassero cosa nota e usata dagli sviluppatori e poi ha messo in commercio le sue padelle, che sia piu’ comodo il menu’ a scomparsa o la gesture indietro è solo questione di abitudine e di come sono strutturate le gui delle app.

            sullo spreco di spazi ti posso assicurare che sbagli, conta quante voci sono presenti su iOS e quante su android, nonostante apple usi un header più ingombrante, e credo visto che non l’ho visto in azione, credo che il campo di ricerca sia visualizzato solo se si tira verso il basso la lista come succede nell’app contatti, ma anche fissa cambia poco le voci selezionabili sono maggiori su iOS.

            se l’intento di material fosse di rendere più comode le aree di garget non avrebbero fatto diventare i dialoghi popup quello che sono diventati, erano perfetti in kitkat, ma in L e M sono diventati delle finestrelle simi OS desktop con i testi piccoli piccoli lasciando troppo spazio bianco e con i pulsantini testuali minuscoli, spostati sulla destra e vicini, spesso troppo vicini. come a voler far sembrare ancora più grandi gli schermi, parlo delle impostazioni di default della dimensione del testo, stesso problema di gestione degli spazi lo si vede nelle interfacce web portate a material design tipo inbox e nelle interfacce per tablet, sembra che non sappiano come usare gli spazi o che abbiano paura a usarli.

          • the

            credo che su una lista a scorrimento sia più importante dare spazio agli elementi, sia per leggibilità che per semplicità di tocco, anche se anche io preferisco le liste più dense, almeno a livello visivo. comunque se è una lista leggi una voce alla volta mentre scorri, rendendo il numero di righe visualizzato ininfluente, anzi se le voci sono più spaziate è più facile vederle a colpo d’occhio.
            Per quanto riguarda i popup di kitkat trasformati in mezzo schermo bianco su lollipop ti do ragione, penso dipenda dalla filosofia di portare tutti i comandi in basso, ma spero lo migliorno…

          • filippo

            no continui a sbagliare, sia per le liste sia per la filosofia che adduci stanno usando, c’e’ una mancanza di consapevolezza dell’uso degli spazi e delle aree di target, in alcuni casi è stupidamente enorme in altri e stupidamente piccola, ci sono studi specifici sulla materia, l’usabilità delle interfacce, che google con material design sembra aver completamente ignorato

            i pop up su KK erano perfetti e avevao i comandi nella parte bassa dello schermo, al massimo posso capire lo sposatamento ulteriore verso il basso del popup simil menu di iOS o i popup di miui5 ma quello che hanno fatto è ridicolo.

            e tutte queste considerazioni e altre, vedi l’abuso di animazioni, rende material design ai miei occhi, e malgrado le intenzioni e i discorsi di duarte e soci, amatoriale rispetto a ios che con tutti i suoi difetti, dovuti alla rivisitazione grafica avvenuta con ios7 che ha giocato un po’ troppo sul minimal, fregandosene dell’usabilità in certe aree, rimane parecchie spanne sopra a material design.

            poi i gusti sono gusti ma quando si parla di usabilità che piaccia o meno qualcosa non vuol dire che sia fatta bene 😉

          • Vasc Nizz

            Un conto è pianificare sui propri telefoni un altro è pianificare su migliaia di dispositivi diversi

          • filippo

            ma in realtà il problema di material design va oltre la pianificazione, apple ha la fortuna, e i risultati e la qualità del prodotto finito si vedono, di fare tutto in casa e di far evolvere il software e l’hardware in accordo.
            google non puo’ permettersi questo lusso con android per la mole di dispositivi che supporta, le ottimizzazioni dovrebbero farle i costruttori con le personalizzazioni, ma invece di ottimizzare creano più danni che altro con le personalizzazioni.

            ma questo c’entra marginalmente con i problemi di material design, material design è un linguaggio grafico, e google ne ha il pieno controllo, e quello che hanno fatto è su troppi fronti criticabile, uso degli spazi a video, tipografia, disposizione delle aree di target delle azioni sulla parte alta dello schermo o nei pop up. il FAB che concentra e quindi nasconde funzioni e quindi per fare alcune cose non basta più un tap ma ce ne vogliono 2 o 3, tutte decisioni autonome di google, indipendenti dalla mole di terminali su cui gira android, che sono risultate essere discutibili.

      • Daniele Bagaglini

        Da iOS 7 il sistema implementa nativamente lo swipe da sx verso dx per sfogliare indietro le pagine ed è possibile implementarlo su tutte le applicazioni. La gesture rende di fatto ridondante il tasto indietro in alto che, in effetti, non uso quasi mai. Lo stesso non avviene su Android dove lo stesso swipe è implementato nelle applicazioni di Google per richiamare il menù laterale, mentre per tornare indietro ci si può servire anche del pulsante apposito nella barra di navigazione in basso. Una cosa che mi ha sempre snervato di Android è la relativa disomogeneità dei comandi posti un po’ dove capita secondo i gusti dello sviluppatore. Con Material Design le cose vanno un po’ meglio, ma non posso dire che mi entusiasmi particolarmente il gusto estetico dei designer di Google.

  • razionalista

    Android M è molto più elegante. L’unica pecca è il drawer che aggiunge veramente troppo contrasto con quello sfondo bianco…sarebbe meglio quantomeno dargli la trasparenza come nelle precedenti versioni.

  • Cattux

    Android M più pulito e flat come design, iOS risulta cartonesco a confronto.

  • Mattia

    Il nuovo font di M nella lock screen è un obbrobrio!

  • Andrea

    iOS è sempre stato più bello di Android ma il material design asfalta tutti, mi piace troppo!

  • Superpetru

    Se dobbiamo guardare la stock direi che apparte il drawer, android è piú carino. il fatto è che la stock è presente solo sui nexus per cui stiamo confrontando ios con un interfaccia che sfrutteranno solo in pochissimi utenti android

  • Renzo_Mattei

    Veramente per voi questo è un confronto? 11 immagini?

    • Martino Fontana

      Quando io ho cambiato ROM e gli ho chiesto se volevano vedere com’era hanno detto di sì e gli ho inviato 10 immagini, e loro hanno detto che sono troppe e che credevano che gliene mandassi solo due o tre.

  • Enzo

    Per il mio modesto parere IOS con Iphone 6s nuovo meriterà una chance. Sono da sempre Android ma amo la tecnologia in generale e dopo aver provato per molto tempo IOS su tablet merita un’occasione pure su smartphone, forse a gennaio dopo il periodo di uscita iniziale .

  • Alex

    Personalmente preferisco il design di Apple. Mi spiego, adoro il Material Design ma la Apple è comunque un passo più avanti. Le icone standardizzate e di alta qualità sono sicuramente un pregio che gli ingegneri di Google hanno sottovalutato troppo in fretta. Inoltre la home screen, il lock screen e la lista della app è molto più di impatto e molto più ordinata rispetto ad Android.

  • Andrea Micheletti

    Un elemento chiave continua ad essere la differenziazione fra home e drawer per android, laddove IOS presenta un semplice elenco di app.

    Imho, il motivo che giustificava la presenza di una home in Android erano soprattutto i widget, che negli anni sono spopolati in tutte le forme, funzioni, colori ecc.

    Il mio primo android gingerbread (Arc S alcuni anni fa) era stracolmo di widget.

    Poi con il tempo ho iniziato a semplificare la home, ad alleggerirla, nonostante mi ritrovi con un terminale più potente (Nexus 5), fino ad aver praticamente eliminato qualsiasi widget. Ho solo l’orologio e il calendario, più per motivi estetici che altro.

    Tra Google Now a sinistra, le notifiche in alto, e il multitasking sempre più potente e veloce, ritengo ormai inutile popolare la home di widget (se non per motivi estetici), al punto che non mi dispiacerebbe una totale eliminazione del drawer, stile IOS (o MIUI).