Star Wars Uprising Copertina 2

Star Wars Uprising: cosa succede dopo Il Ritorno dello Jedi?

Lorenzo Delli

Nato dalla collaborazione tra Kabam, Disney e LucasArts, Star Wars Uprising è il nuovo gioco per iOS e Android sviluppato da Kabam la cui beta (non è chiaro se privata o pubblica) comincerà già da questa estate.

Vi abbiamo già mostrato il trailer ufficiale rilasciato da Kabam, ma nel frattempo sono stati svelati nuovi dettagli a riguardo, specialmente per quanto riguarda il dove e il quando.

LEGGI ANCHE: Star Wars Uprising ufficiale

Del quando ne abbiamo già parlato: Star Wars Uprising si colloca subito dopo i fatti de Il Ritorno dello Jedi. Dopo l’Episodio VI la notizia della morte dell’Imperatore si sparge velocemente raggiungendo il settore Anoat, teatro degli eventi di Uprising che include luoghi quali Hoth e Cloud City. Il governatore imperiale Adelhard, rappresentato nella locandina qui di seguito, chiude l’intera regione istituendo un embargo che blocca il traffico spaziale e ogni genere di comunicazione in uscita dal settore.

Adelhard nega fermamente le voci a riguardo della morte dell’Imperatore, facendo uccidere chiunque provi a diffonderle. L’impero, grazie a Adelhard e al suo fedele comandante Bragh capo dei Purge Trooper, regna ancora sovrano nel settore Anoat. I ribelli sono stati cacciati a seguito della battaglia di Hoth, ma permangono contrabbandieri, assassini, cartelli criminali e gli ex nobili del settore, i quali formano una strana forza di ribellione autonoma.

Il giocatore interpreterà proprio un contrabbandiere preso di mira dall’Impero, che cerca di catturarlo mentre cerca di far entrare merce di contrabbando nel settore Anoat. Durante la fuga, il giocatore imparerà a controllare il personaggio e a combattere le forze imperiali. Il gioco conterà una serie di missioni di recupero, di contrabbando e di opposizione alle forze imperiali, e sarà possibile personalizzare in modo davvero particolare il propio personaggio.

Bragh Star Wars Uprising

Sarà anche possibile unirsi a battaglie su larga scala che coinvolgeranno l’intero settore e altri giocatori, che potranno cambiare il futuro dell’universo di gioco. Gli sviluppatori lo descrivono come un GDR di azione che potrà anche essere giocato in contemporanea da quattro partecipanti: “Ricorda un po’ i giochi BioWare quando non ti trovi in un dungeon e ricorda un po’ Diablo quando invece stai esplorando un dungeon“. Tra le classi giocabili si annoverano contrabbandieri, cacciatori di taglie, ribelli da guerriglia, diplomatici, giocatori d’azzardo e altre. Da notare come sia assente qualsiasi riferimento alla forza o alle spade laser: di fatto l’unico Jedi sopravvissuto è Luke e fino a Il Risveglio della Forza, il nuovo capitolo della saga di Star Wars, l’universo non vedrà manifestarsi nuovi jedi o sith.

Qualche dettaglio anche sulla crescita del personaggio: sarà possibile cambiare abilità in qualsiasi momento, potenziandole un po’ tutte e selezionando quelle più gradite da portare in battaglia di volta in volta. Sarà quindi di fatto possibile cambiare classe in corsa e adattarsi alla situazione. Al momento della pubblicazione Star Wars Uprising conterà due capitoli, la sceneggiatura del terzo è già in lavorazione da parte di Lucasfilm.

Fonte: IGN Italia
  • TheJedi

    Non sembra male, ma senza lighsabers non è Star Wars