Apple Music ufficiale (anche su Android)

Cosimo Alfredo Pina -

L’arrivo è rimasto incerto fino all’ultimo momento “ma aspettate, c’è ancora un’altra cosa”: Apple Music è ufficiale sul palco del WWDC 2015 grazie ad un’app che si appoggia al relativo servizio, che punta a sfidare i colossi dello streaming musicali come Spotify e Google Play Music.

Buona parte delle caratteristiche trapelate fino ad oggi sono state confermate: l’app Music rimpiazza iTunes e presenta aspetti fortemente social tra fan ed artisti grazie alla schermata Connect, consigli personalizzati in quella For You e, ovviamente, accesso a tutta la raccolta musicale di iTunes in locale e online tramite comode selezioni.

Tra le funzioni più interessanti troviamo senz’altro la radio BeatsOne che trasmetterà 24 ore 24 sette giorni a settimana da tre località (New York, Los Angeles e Londra) con le ultime tendenze e ospiti speciali. Per quanto riguarda la raccolta personale saranno create delle playlist personalizzate in base ai propri gusti, curate con una sistema che unisce la potenza degli algoritmi con i consigli di esperti di musica in carne ed ossa.

L’app e il servizio di Apple Music saranno disponibile, in più di cento nazioni, su iOS e Windows a partire dal 30 giugno e su Android a partire dal prossimo autunno. Qualche sorpresa per quanto riguarda le tariffe; infatti di fianco all’atteso abbonamento da 9,99$ al mese (primi tre mesi gratis) ne è stato lanciato uno da 14,99$ da condividere fino a sei familiari.

Apple Music entra quindi a gamba tesa nel mondo dello streaming musicale con tutte le carte in regola per sfidare gli altri servizi; prima di sbilanciarsi in giudizio dovremo attendere le prime prove con mano, ma l’enorme raccolta di iTunes e prezzi decisamente competitivi tenteranno certamente diversi utenti, e non solo sui sistemi operativi della Mela.