applebot

Applebot sta indicizzando il web per Siri e Spotlight

Giuseppe Tripodi

All’inizio dell’anno era circolata la voce di un possibile motore di ricerca a cui Apple starebbe lavorando. Le supposizioni arrivavano in seguito ad un’offerta lavorativa in cui la società di Cupertino si riferiva ad un Apple Search ossia una piattaforma di ricerca che supporti centinaia di milioni di utenti.

LEGGI ANCHE: Apple sta davvero lavorando ad un motore di ricerca?

Oggi un documento ufficiale conferma (almeno parzialmente) l’esistenza di qualcosa del genere: si chiama Applebot e si definisce un web crawler per indicizzare pagine internet al fine di utilizzare i risultati per i servizi della mela come Siri e Spotlight.

Come riportato nelle informazioni fornite da Cupertino, Applebot ha origine del blocco di IP 17.0.0.0 (blocco interamente posseduto da Apple) e rispetta le regole dei robots.txt e i meta tag.

Attualmente Siri risponde alle domande degli utenti sfruttando le ricerche di Bing e Walfram Alpha, ma questo Applebot apre interessanti prospettive per il futuro dell’azienda. Infatti, è improbabile che la società della mela decida di lanciare da un giorno all’altro un nuovo motore di ricerca accessibile da browser, ma questo non esclude che realizzare un algoritmo per frugare il web e ottenere informazioni utilizzabili da Siri e Spotlight, che in questo modo non dovrebbero più appoggiarsi a servizi di terze parti.

In ogni caso si tratta di un progetto decisamente interessante, del quale sentiremo ancora parlare. E chissà se e come reagiranno Google e Microsoft a questo potenziale competitor della mela morsicata.

Via: 9to5Mac
  • o registrati su Disqus

    ‘Wolfram’ Alpha, non Wolfram. Sennò Stephen si secca e vi defaccia il sito a colpi di automi cellulari.