Apple Watch spot

Ecco i primi unboxing di Apple Watch (video)

Giuseppe Tripodi -

Domani inizieranno i pre-ordini di Apple Watch e online sono apparse le prime recensioni scritte che ci forniscono una panoramica sul prodotto.

LEGGI ANCHE: Apple Watch spiegato in quattro tutorial

Ma se siete curiosi di scoprire visivamente cosa troveremo dentro la scatola del nostro nuovo smartwatch, vi mostriamo i primi unboxing apparsi in rete.

Si va dal Vine realizzato da Mashable all’esuberante video della redazione cinese di Gadget Guy. In ogni caso, la scatola è quella trapelata ieri, molto sobria ed essenziale, in pieno stile Apple.

Via: 9to5Mac
  • Apple vince ancora su tutti: l’Apple Watch al polso è bellissimo, ancora una volta Apple dà una lezione a tutti e confeziona un prodotto che venderà milioni di pezzi laddove gli altri sono riusciti a spuntare solo qualche centinaio di migliaia di pezzi quando va bene.
    E questo perché? Per aver messo un processore più veloce? Per aver introdotto feature che gli altri non hanno? Per aver messo sensori iperavanzati? No, per aver fatto l’unica semplice cosa che andava fatta e che gli altri non hanno fatto: fare un orologio sufficientemente piccolo in modo che stia bene al polso, e farlo personalizzabile per quanto riguarda cinturini e cassa.
    Perché se guardi il moto x, l’lg g watch r, il sony smartwatch 3… tutti bellissimi nelle foto del prodotto, peccato che quando li metti al polso sono enormi e fanno un effetto bruttissimo. E sono adatti solo agli uomini, che sono solo il 50% dei possibili acquirenti. La personalizzazione poi, quando va bene, si limita a un paio di cinturini differenti.
    All’inizio ero scettico su Apple Watch, ho anche pensato: com’è possibile che Apple abbia fatto un tale passo falso… poi ho capito… quando ho visto la gamma dei modelli disponibili, delle personalizzazioni e quando l’ho visto indossato al polso ho capito l’abisso che Apple ancora una volta ha scavato fra sé e la concorrenza.
    Adesso vediamo quanto ci mettono i produttori Android a capire come fare uno smartwatch che venda, ma dato che con i telefoni sono passati 8 anni dall’iphone e ancora non hanno capito, dubito che saranno in grado di farlo con gli smartwatch.

    • @ndr3

      ti sei dimenticato il cameo, il top del top, la durata della batteria: BEN 18 ore. Poi ti sembra piccolo come dimensioni ? A me sembra esattamente come gli altri (Android).
      Cmq si sa, queste sono opinioni personali, ma da qua a dire che è il migliore ce ne vuole.

      • La durata di 18 ore è sufficiente, dato che è raro stare svegli più di 18 ore in una giornata. Vorrebbe dire dormire meno di 6 ore per notte, e in tal caso l’esaurire la carica dello smartwatch sarebbe l’ultima delle tue preoccupazioni. 🙂
        Per le dimensioni, non è come gli altri… ad esempio, il sony è 36 x 51mm, l’apple nella versione piccola è 33.3×38.6, cioè oltre un centimetro di altezza in meno… ti rendi conto di quanto è 1,2 centimetri di altezza in meno su un polso? Abbastanza per esempio da fare la differenza per una ragazza, ma anche per molti uomini, forse la maggior parte considerando i polsi di noi nerd… ma basta googlare un po’ di immagini per rendersi conto di come gli altri smartwatch siano belli se visti da soli e di come appaiano sproporzionati una volta messi al polso, cosa che non succede per l’apple watch, e questi sono i dettagli che fanno la differenza.

        Io non dico che sia il migliore, sicuramente sono opinioni personali, ma dalle prime stime ha venduto in un giorno quanto tutti gli altri produttori insieme hanno venduto in un anno.

        • @ndr3

          Mi chiedo allora come mai gli altri smartwatch durino da 3 a 5 giorni. Non parliamo poi degli orologi puri e semplici. Certo se di notte mi sveglio e voglio guardare l’ora, non si può perchè è scarico. Ripeto opinione mia, ma questo “orologio” non vale di certo quello che vogliono farsi pagare, di certo 1,2 cm di spessore in meno rispetto ad un sony non valgono la cifra. Tra l’altro non dimenticare che funziona solo se hai un iphone…. altra svalangata inutili.

          • Gli altri smartwatch non durano assolutamente da 3 a 5 giorni, a meno che tu non stia parlando del pebble che ha uno schermo e-paper in bianco e nero senza touch con tutte le limitazioni che ciò comporta sulle funzionalità dell’interfaccia utente.
            Il moto 360, come apple watch, arriva preciso a sera. LG G watch R fa la giornata, Sony smartwatch 3 fa un giorno e mezzo forse due, il che significa comunque ricaricare ogni notte.
            Gli altri sw che durano 3-5 giorni (con i 5 giorni molto teorici) usano un hardware molto meno performante e di conseguenza os proprietari con funzionalità molto ridotte rispetto a android wear o apple watch. Francamente, stanno all’apple watch (e agli smartwatch android wear) come i palmari con pennino e schermo resistivo stavano all’iphone quando uscì.
            Quando uscì l’iphone, la gente lo prendeva in giro perché la batteria durava un giorno quando i cellulari all’epoca duravano 5 giorni. Mi pare che adesso praticamente nessuno rinuncerebbe alle funzionalità di un moderno smartphone in cambio dei 5 giorni di autonomia, e così succederà con gli smartwatch.
            Sul fatto che 1,2 centimetri di altezza (non spessore) in meno dell’orologio non valgano la cifra… personalmente, ritengo che piuttosto che spendere 250 euro per un orologio importabile sia meglio spenderne 350 per uno che sta bene al polso, poi ognuno ovviamente ha le sue opinioni, tutte rispettabili, ma ripeto… dato che Apple ha venduto in un giorno più di tutti i produttori android in un anno, forse la maggior parte della gente la pensa allo stesso modo…
            Guardare l’ora la notte? Prima di tutto, l’orologio non è scarico perché proprio la notte lo metto in carica, poi chi è che guarda l’ora sull’orologio di notte? Il 100% delle persone che conosco, se si svegliano la notte, prendono il cellulare e guardano l’ora. Il target di uno smartwatch android wear/apple watch non è certo chi vuole guardare l’ora di notte su un orologio tradizionale o chi si fa problemi a mettere in carica un dispositivo elettronico… questi potranno continuare a utilizzare i loro dispositivi tradizionali, non è questo il target che apple e android devono inseguire.

          • @ndr3

            Personalmente uso un Samsung Gear Fit,contapassi,timer,cardiofrequenzimetro,notifiche, controllo qualità del sonno ecc.. l’unica cosa che gli manca è il gps. durata con tutto in funzione 3 giorni. Se escludo il contapassi arrivo a 5 giorni. Come vedi l’apple non ha inventato nulla, eventualmente l’ha solo infiocchettato meglio. Non escludo che lo sostituirò con un android Wear, ma di certo mai con un iwatch. Ho avuto diversi prodotti Apple per la cronaca: dal vecchio caramellone colorato all’ibook, al macbok, al mac mini, all’iphone 3g e 3gs, se c’è una cosa che non sopporto è il fatto che sono chiusi e relativamente blindati e per fare quello che fa un qualsiasi Android da 100 euro uno si deve sbattere con jailbreak & co. Ovviamente opinione mia personale

          • Beh, mi confermi quello che ho detto sull’autonomia… Per fare 3 giorni serve un os più leggero di android wear, ma anche meno potente. Per fare 5 giorni devo iniziare a togliere feature. per il resto, non sono un utente apple e non mi piace iphone, ma riconosco quando apple fa la cosa giusta (cioè quasi sempre) che è capire cosa chiede il mercato. Non voglio discutere il tuo gear fit. Semplicemente è un oggetto che interessa a una nicchia, mentre apple ancora una volta prende un prodotto destinato a geek e appassionati di tecnologia e capisce esattamente cosa va cambiato per far sì che possa essere interessante per gli utenti normali. E dato che l’ha già fatto con il lettore mp3 e con lo smartphone, mi stupisce che ancora ci sia qualcuno che pensa che sia solo fortuna, marketing o moda…