Niente più mappe sulla SD per una dimenticanza di Microsoft

Giuseppe Tripodi

È una storia piuttosto peculiare quella che ci ha portato all’impossibilità di salvare le mappe offline sulle microSD dei nostri smartphone e, probabilmente, neanche Microsoft avrà badato troppo alla questione.

Era il 2013 quando Nokia rilasciava Lumia Storage Check Beta, la versione beta dell’omonima applicazione che, finalmente, permetteva di salvare le mappe offline sulla scheda SD e non sulla memoria del telefono.

Dopo l’acquisizione, Microsoft ha apprezzato l’idea e ha integrato all’interno dell’OS un sistema molto simile, chiamato Storage Sense, che è attualmente presente in Windows Phone 8.1 e ci sarà anche su Windows 10.

Un ottimo tool, se non fosse che manca proprio della possibilità di conservare le mappe nella memoria esterna: nonostante Storage Sense ci dia la possibilità di spostare le applicazioni sulla SD, non c’è verso di trasferire i dati per le mappe offline.

storage-sense-maps-offline-storage-card

Il tutto, comunque, fino ad ora era più una seccatura che un vero problema, in quando scaricando Lumia Storage Check Beta si riusciva comunque ad ottenere il medesimo risultato.

Purtroppo, da alcuni giorni, quest’app non può più essere scaricata: è ancora presente sullo Store, ma sembra non essere più compatibile con alcuni dispositivo.

La conclusione di questa storia è che se in passato avevate scaricato Lumia Storage Check Beta e modificato la destinazione dei dati per le mappe, riuscirete ancora a scaricarle sulla SD, in alternativa vi vedrete privati di questa comodissima opzione. E no, scaricare la normale versione di Lumia Storage Check, ancora disponibile, non vi sarà di alcun aiuto.

Non è chiaro il perché di questa mossa, ma è davvero molto probabile che a Microsoft abbiano sottovalutato la questione: ci auguriamo che sia così e che, in qualche modo, da Redmond ci permettano nuovamente di scaricare le mappe sulla scheda SD.

Via: Windows Central