Tim Cook

Tim Cook è il più grande leader del mondo secondo Fortune

Giuseppe Tripodi

Come ogni anno Fortune ha stilato la lista degli uomini più influenti sulla terra, eleggendo Tim Cook come il più grande leader al mondo. Nella lista seguono altri nomi che conosciamo bene come Mario Draghi e Papa Francesco, ma il CEO di Apple ha trionfato sugli altri, dimostrando il suo merito dopo scomparsa dell’acclamato Steve Jobs.

Il magazine ha dedicato un’ampia pagina a Cook, ripercorrendo i suoi meriti tra interviste e dichiarazioni. Secondo quanto riferito da Tim stesso, dopo la morte di Jobs è stato davvero difficile respingere le critiche che sostenevano che Apple non avrebbe più saputo innovare dopo la scomparsa del suo carismatico leader. Certo, Cook ha anche ammesso che prima di prendere il comando ha dovuto operare ad un livello che prima conosceva solo al livello teorico e accademico, ma stando vicino a Jobs aveva già avuto modo di farsi le ossa.

LEGGI ANCHE: I dipendenti Apple amano l’azienda e Tim Cook

Tuttavia, come è stato evidente da subito, la guida di Tim Cook è profondamente diversa da quella del suo predecessore: Cook non ha mai cercato di imitare Jobs e, spesso, ha intrapreso scelte profondamente diverse da quelle operate dal precedente CEO. Ad esempio, di seguito, una piccola tabella riassuntiva che mostra i differenti punti di vista dei due amministratori.

Tim Cook Vs Steve Jobs

 

Tim Cook ha inoltre dichiarato che non fa il suo lavoro per i soldi, ma per cambiare il mondo attraverso i prodotti della Apple: a tal proposito, avrebbe già deciso di donare tutti i suoi averi dopo aver provveduto agli studi universitari dei suoi nipoti e, già da adesso, vuole impegnarsi in un programma di filantropia che lo tenga impegnato culturalmente.

Infine, a proposito di cambiare il mondo, Cook è l’unico CEO tra i cosiddetti Fortune 500 ad aver annunciato apertamente di essere omosessuale. Nell’intervista, Tim spiega di averlo fatto per dare un supporto a tutti coloro che vengono ancora maltrattati per il loro orientamento sessuale, a scuola dove si trova un forte bullismo in questo senso, ma anche a lavoro, dove alcune aziende arrivano persino a licenziare degli impiegati a causa delle loro preferenze sessuali.

Se volete sapere di più a proposito delle scelte che hanno portato Fortune ad eleggere Cook come più grande leader al mondo, vi consigliamo di dare un’occhiata all’intervista integrale (la trovate nel link in fonde), che ne delinea non solo il profilo aziendale ma anche i meriti umani.

Via: 9to5MacFonte: Fortune