Pakistan impronte digitali SIM

Il Pakistan vuole le impronte digitali di chiunque abbia un cellulare

Giuseppe Tripodi

Nel tentativo di arginare le comunicazioni tra i terroristi, il Pakistan si è recentemente lanciato in un’impresa che ha dell’incredibile: associare a 103 milioni di SIM le impronte digitali dei relativi possessori.

Tutti coloro che non registreranno la propria impronta digitale entro il 13 aprile si vedranno disattivare il proprio numero dagli operatori entro alcuni giorni.

LEGGI ANCHE: L’NSA spia i nostri iPhone da ancor prima che venissero creati

L’intento è evidentemente quello di impedire le telefonate tra i terroristi (o fare in modo che siano facilmente identificabili), ma secondo le ultime stime più di 50 milioni di persone devono ancora registrare la propria impronta. Si parla soprattutto di utenti che vivono in aree rurali, dalle quali è difficile raggiungere il centro; sembra che gli operatori si stiano attrezzando con dei furgoni per raggiungere queste zone e permettere a tutti di associare la propria impronta digitale, ma il processo sta ovviamente generando ovunque lunghe code dalla durata di parecchie ore.

Fonte: Giornalettismo
  • Matteo Bottin

    Ma io sono l’unico che schederebbe tutte le impronte digitali al momento dell’emissione della carta d’identità?