Project Spartan

Nuovi dettagli su Cortana e la modalità di lettura di Project Spartan

Giuseppe Tripodi

L’attesissimo Windows 10 porterà con sé Project Spartan, il nuovo browser di Microsoft che manderà (finalmente) in pensione Internet Explorer e potrà vantare un’ottima integrazione con Cortana. L’assistente vocale, infatti, ci fornirà informazioni aggiuntive e maggiori dettagli sulle nostre ricerche e, come abbiamo già visto, nel caso cercassimo un luogo avremo a disposizioni orari di apertura, indicazioni stradali e tanto altro.

LEGGI ANCHE: Diamo un’occhiata all’integrazione di Cortana in Project Spartan

I colleghi di NeoWin hanno avuto modo di testare questo software e ci svelano maggiori dettagli a proposito dell’integrazione con Cortana: potremo cercare al volo il significato di una parola o maggiori informazioni su un nome e l’assistente vocale capirà, in base al contesto, di cosa stiamo parlando. Ad esempio, leggendo una pagina sul presidente Washington e cercando più info a proposito di questa parola, ci verranno forniti i dettagli sulla storia del presidente e non sull’omonima capitale statunitense.

Nel caso di ricerca su un ristorante, invece, apparirà una voce di Cortana direttamente nella barra di ricerca: cliccandoci si aprirà un widget sulla destra che ci informa sulle indicazioni stradali, il menu, gli orari e tanto altro.

Infine, Project Spartan presenta una modalità di lettura, esattamente come quella introdotta in Internet Explorer 11 su Windows 8.1: la reading mode focalizza l’attenzione sul testo e le immagini, eliminando ogni altro contenuto della pagina (ad esempio banner pubblicitari). Non manca neanche la Reading List, che ci permette di salvare gli articoli più interessanti per poterli leggere successivamente, anche offline.

Microsoft ha già annunciato che Project Spartan sarà integrato nella prossima Technical Preview di Windows 10, che dovrebbe arrivare nel giro di qualche settimana. Ancora una volta, non ci resta che aspettare per scoprire tutte le migliorie del nuovo browser dell’azienda di Redmond.

Via: Windows CentralFonte: NeoWin