Nintendo DeNA

Nintendo svilupperà giochi per smartphone e tablet in partnership con DeNA!

Lorenzo Delli - Un comunicato stampa piuttosto inatteso quello rilasciato da Nintendo nelle ultime ore: a quanto pare il colosso nipponico collaborerà con DeNA per realizzare e lanciare giochi per smartphone e tablet!

Potremmo dire che era inevitabile, potremmo dire che era una mossa di mercato estremamente sensata, potremmo dirne davvero tante, specialmente dopo le recenti affermazioni di Satoru Iwata, che in una recente intervista aveva dichiarato che Nintendo non era assolutamente intenzionata a portare i suoi titoli in mobile. Ebbene, in una dichiarazione rilasciata proprio da Nintendo in queste ultime ore vi è la conferma che la celebre società nipponica si lancerà nel settore del mobile gaming in partnership con DeNA.

LEGGI ANCHE: 99 cent per far saltare Mario più in alto: l’idea di un azionista di Nintendo

Scendiamo più nel dettaglio: nella dichiarazione rilasciata dalle due società, si può leggere che i piani di Nintendo non sono quelli di realizzare porting di titoli effettivamente esistenti per le piattaforme proprietarie della società nipponica, ma bensì di creare nuove IP o di sfruttare quelle esistenti e realizzare giochi specificatamente ottimizzati per smartphone e tablet.

In order to create completely new game experiences for smart devices, all Nintendo IP will be eligible for development and exploration by the alliance. As these consumers enjoy the unique kind of gameplay found only with Nintendo, they will have the opportunity to explore even more premium experiences on Nintendo’s dedicated video game platforms.

Comunicato stampa Nintendo

Inoltre grazie alla collaborazione tra le due società nascerà anche un servizio di sottoscrizione online in stile social network accessibile da PC, sistemi Nintendo e, ovviamente, dispositivi mobili. Il servizio in questione dovrebbe fare il suo debutto già da questo autunno.

LEGGI ANCHE: Nintendo si prepara a lanciare una app mobile dedicata ai Mii

Curioso come le parole di Iwata relative alla recente intervista non escludevano in realtà una mossa di questo genere: il presidente di Nintendo infatti dichiarò che la società non aveva intenzione di realizzare porting dei titoli in vendita sulle piattaforme proprietarie per il settore mobile, ed effettivamente questa partnership con DeNA prevede giochi realizzati ex novo ed ottimizzati per gli schermi touch screen dei dispositivi portatili. Nell’attesa di maggiori dettagli da parte delle due società, vi lasciamo con il comunicato stampa integrale rilasciato proprio da Nintendo. Che genere di giochi vi aspettate da questa collaborazione? Classici running game/gestionali/puzzle game o vi è la speranza di vedere arrivare anche qualche titolo più complesso (e divertente)?

NINTENDO AND DENA FORM BUSINESS AND CAPITAL ALLIANCE

Companies to develop new game apps featuring Nintendo IP for smart devices

TOKYO, JAPAN – March 17, 2015 – Nintendo Co., Ltd. (Tokyo: 7974) and DeNA Co., Ltd. (Tokyo: 2432) today entered into a business and capital alliance to develop and operate new game apps for smart devices and build a new multi-device membership service for consumers worldwide.

Leveraging the strength of Nintendo’s intellectual property (IP) and game development skills in combination with DeNA’s world-class expertise in mobile games, both companies will develop and operate new game apps based on Nintendo’s IP, including its iconic game characters, for smart devices. The alliance is intended to complement Nintendo’s dedicated video game systems business and extend Nintendo’s reach into the vast market of smart device users worldwide. Under the alliance, DeNA will also be able to strengthen its gaming business at a global scale by leveraging Nintendo’s IP. To ensure the quality of game experience that consumers expect from this alliance of Nintendo and DeNA, only new original games optimized for smart device functionality will be created, rather than porting games created specifically for the Wii U home console or the Nintendo 3DS portable system.

In order to create completely new game experiences for smart devices, all Nintendo IP will be eligible for development and exploration by the alliance. As these consumers enjoy the unique kind of gameplay found only with Nintendo, they will have the opportunity to explore even more premium experiences on Nintendo’s dedicated video game platforms. Information on upcoming games and availability will be forthcoming.

Nintendo and DeNA also plan to develop an online membership service that is accessible from smart devices, PC and Nintendo systems, such as the Nintendo 3DS portable system and the Wii U home console. The membership service, which is targeted to launch in the fall of 2015, will be built on DeNA’s extensive experience and capabilities in online membership services.

As part of the long-term relationship and commitment by each company, Nintendo and DeNA have also agreed to form a capital alliance. Under the capital alliance, Nintendo will acquire 15,081,000 of DeNA’s treasury shares, which corresponds to 10.00 percent of its total outstanding stock, for a total of approximately 22 billion yen. DeNA will simultaneously acquire 1,759,400 of Nintendo’s treasury shares, which corresponds to 1.24 percent of its outstanding stock, for a total of approximately 22 billion yen. The payment is due April 2, 2015

Fonte: Polygon
  • Oblivium

    Mossa furba da parte di Nintendo, se vuole rilanciare il suo nome questo è il modo migliore per me. Fino ad ora i giochi drlla casa li ho sempre visti come “cose da bambini” destinati principalmente a un pubblico di giovane età. Affacciandosi nel mondo mobile può cambiare questa visione, visto che non si sarebbe più legati alle loro console (vi vedete a giocare a pokemon in treno a 30 anni?).

    Inoltre hanno un esperienza enorme nel campo videoludico, potrebbe giovare molto al settore mobile.

    • Marco Missere

      Mario, Zelda e Pokémon per bambini. Certo, come no 😉

      • Timothy

        Penso siano giocati più dagli adulti/bambini di ieri piuttosto che dai bambini di oggi. Per quelli bastano le migliaia di giochi basati su cartoni e stupidità accessorie del momento.

      • Oblivium

        Beh, sinceramente non me lo vedo uno di 40 e passa anni a giocarci 😉

        • Marco Missere

          Peccato siano tre storici e importantissimi brand videoludici, con leggermente più spessore di giochi “adulti” come Call Of Duty o Battlefield.

          • Oblivium

            Ma ovviamente, nessuno lo mette in discussione! Ma Non pensi di essere uscito leggermente fuori da ciò che stavo dicendo? 🙂

    • “vi vedete a giocare a pokemon in treno a 30 anni?” Ma assolutamente sì! 🙂 Guai se non fosse il contrario. Parliamo di videogiochi, eh, non di massimi sistemi… 😉

      • Oblivium

        Ovvio ma è un opinione comune, non la mia! Non ho mai visto nessuno di 30/40 anni e oltre giocare ad un GameBoy 😉

    • massi

      perchè candy crush e clash e clan sono per adulti? 🙂

      • Oblivium

        Assolutamente no, ma la portabilità aiuta un sacco! Il telefono ce L hai sempre dietro, per giocare ai pokemon (a parte emulatori) devi avere sempre dietro la console..

  • Timothy

    Non del tutto sicuro che sia una buona idea.. Tremo all’idea di come potrebbero sput@@@are tutto il loro ecosistema. Io ho sempre adorato i titoli nintendo. E non è che perché vado per i trenta li trovo stupidi. Sono decisamente meglio di tanti altri moderni.. E spesso pure senza prodigi grafici o tecnici da far gridare al miracolo. Zelda, Mario, i pokemon hanno contribuito a rendere grande nintendo.. Vederli in sempre più giochi di dubbia qualità non è una cosa che vorrei, e infatti spero ampiamente di essere smentito. Ma mi hanno già ucciso Sonic, quindi mi permetto di non essere molto ottimista.

    • Non uccideranno Mario, Zelda e compagnia bella, ma aspettati giochi non di dubbia qualità ma di tipologie tutt’altro che originali. Dopo tutto sono i titoli in stile Clash of Clans/Candy Crush che fanno fruttare milioni alle software house, Nintendo e DeNA si muoveranno nello stesso identico modo.

    • Il caso di SEGA è purtroppo una delle storie più tristi. Da quella meraviglia che era il Dreamcast in poi è stato un lento ma costante declino, dall’uscita dal mercato console, all’impoverimento di una IP come quella di Sonic, che fa piangere lacrime di sangue pensando a come negli anni ’90 la console war si basava su giochi, gameplay, idee. Non sigle, frame, pixel e specifiche hardware come adesso, e poi abbiamo il nulla assoluto da anni, in termini di giochi veri. L’approdo al mondo mobile per SEGA è stata una sorta di ultima spiaggia, un disastro su tutti i fronti. Nel caso i Nintendo la situazione sembra ben diversa. Parliamo di una azienda da un trilione di yen che continua a fare utili nonostante lo strapotere del marchio Playstation. Prima di tutto per il mercato portatile, in cui 3DS domina esattamente come fa PS4 nel mercato home, ma anche per il software che è sempre molto venduto, anche per Wii U in proporzione. Nel caso di Nintendo l’approdo al mondo mobile sta avvenendo per ampliare gli orizzonti di business, in chiave moderna. Quello che di solito si contesta maggiormente all’azienda di Iwata. E da quel poco che già sappiamo, comunque, l’idea non è e non sarà quella di massacrare le IP Nintendo, ma solo creare degli spin off che portino poi l’utenza sulle console Nintendo, per le serie principali. Non ci sono le premesse per vedere un Mario Runner che tolga energie e investimenti per un Mario Boom che poi esce ed è una schifezza. No, magari Mario Runner uscirà veramente, ma gli investimenti principali saranno sempre su Mario Galaxy 3, Mario 3D World 2, o quello che sarà. Almeno su questo Iwata è sempre stato chiaro.

  • AngeloFlores AdinaNeculai

    mossa furba per fare tanti soldi…però dovrebbero essere in realtà games dalla giocabilita’ limitata/limitante per via del touch,almeno per i platform

    • Ci sono tanti platform divertenti e ben realizzati che sfruttano i controlli touch 🙂

  • Daniele Freccero

    Era ora aspetto con ansia Mario su Android

  • In effetti credo che più che una “notizia” sia una conferma di quanto detto qualche tempo fa: in buona sostanza giochi tipo Pokemon Shuffle potranno approdare anche su smartphone (e ci starebbe già benissimo) ma un Pokemon ORAS o XY no. Lo stesso dicasi per un Mario 3D o uno Zelda principale. Su smartphone e tablet verrano proposti contenuti che sfruttano le IP Nintendo e che poi rimanderanno alle versioni principali sempre comunque su console Nintendo. Quello che sappiamo in più oggi è il nome del partner, DeNa, di tutta questa situazione. Ma se uno legge la notizia come “Mario e Zelda su cellulare” credo proprio che le sue speranze sono ancora ben lungi dall’essere esaudite. E considerando che per Nintendo la qualità è garantita dal binomio imprescindibile giochi+console proprietarie, è un bene. Queste applicazioni/giochi faranno solo da volano per i giochi Nintendo principali. Questa è l’unica certezza, poi i dettagli li sapremo presto, magari anche prima dell’E3.

    • massi

      capace anche portino porting di giochi ultra vecchi tipo zelda 64 o mario 64…

      • Questo in teoria lo hanno escluso a chiare lettere, ma si sa che nel mondo dei videogiochi, e non solo, le “dichiarazioni” degli addetti ai lavori valgono da Natale a Santo Stefano… 😉

  • massi

    i giochi seri rimango su 3ds e wiiu mentre la robetta la porteranno su smartphone…