apple-watch-hands-on

Apple Watch: nuovi dettagli su batteria e funzionalità a poche ore dal lancio

Giuseppe Tripodi

Mancano ancora poche ore prima dell’inizio dello Spring Forward, l’evento Apple in cui faremo la conoscenza dell’attesissimo Apple Watch. L’appuntamento per seguirlo con il nostro live blog è alle 17:30, ma nel frattempo riportiamo alcune notizie sullo smartwartch della mela trapelate nelle ultime ore.

Una fonte vicina a 9to5Mac, ha avuto il piacere di provare l’orologio per un po’ di tempo, fornendo diversi dettagli interessanti e non ancora annunciati.

Batteria e risparmio energetico

Apple Watch Batteria

Sappiamo che Apple Watch non brillerà per durata della batteria e dovrà essere ricaricato necessariamente ogni notte. Tuttavia, se le prime voci parlavano di una durata di 2,5-4 ore di uso delle app (e 19 ore di uso combinato tra standby, notifiche e altro), si parla adesso di un’autonomia da 5 ore per l’utilizzo intenso. Secondo quando riportato, quindi, difficilmente questo dispositivo ci lascerà prima di arrivare a sera: in ogni caso, come era già stato annunciato, è presente una modalità per il risparmio energetico, che è possibile attivare in qualsiasi momento (indipendentemente dalla carica residua). In questo modo lo smartwatch ovviamente diventa molto meno “smart”: si riduce la luminosità, il display si spegne dopo 2 secondi di inattività e non ci sono sincronizzazioni con iPhone, a meno che non vengano avviate manualmente.

Quando la batteria inizia ad essere pericolosamente scarica, non ci sarà alcun popup in stile iPhone ma sotto il 20% il Battery Glance diventa arancione, mentre sotto il 10% si passa al rosso. Secondo i primi test, invece, l’autonomia di iPhone non viene influenzata significativamente dalle sincronizzazioni con Apple Watch.

Hearth Rate Glance

hearth rate glance

Il sensore di battito cardiaco non servirà solo ad inviare le proprie pulsazioni agli amici, ma potrà essere ovviamente utilizzato anche tramite l’apposito Glance per tenere sott’occhio il nostro numero di battiti per minuto. Dai primi test viene riportato che il processo di lettura è praticamente istantaneo e piuttosto accurato. Le informazioni ottenute possono ovviamente essere trasmesse ad iPhone, dove l’app Salute potrà tenere traccia del nostro battito cardiaco.

Notification Center, Glance e Clock Face

Secondo quanto riportato, le Glance preinstallate sono Heart Rate, Battery Life, Fitness Stats, Activity, Clock, Weather, Music, Quick Settings, Calendar e Maps. Apple Watch, come iOS completo, presenta un Centro Notifiche, nel quale vengono raccolte tutte le notifiche inviate dallo smartphone. Inoltre, parlando delle Clock Face, la fonte che ha provato lo smartwatch ha riferito che la qualità è “incredibile” e che ogni interfaccia è praticamente un’app con un’elevatissima cura nei dettagli.

Musica e memoria interna

Come già riportato in precedenza, ci sarà la possibilità di salvare i propri brani direttamente sulla memoria interna del dispositivo. Non è ancora chiaro quanto sia lo spazio su Apple Watch, le prima voci parlavano di 8 GB ma non è ancora confermato che tutte le versioni abbiano lo stesso taglio di memoria.

Force Touch, Corona digitale e Voice Control

Apple Watch

Abbiamo parlato abbondantemente del Force Touch, tecnologia di cui è dotato il display di Apple Watch che permette di distinguere la pressione dal semplice tocco. Secondo le prime voci, l’interazione con questo sistema risulta molto “naturale” e a parte il display, la Corona Digitale e il tasto “azione” laterale sono gli unici metodi per interagire con lo smartwatch. Non è possibile effettuare il pinch to zoom (poiché l’azione viene sostituita dal ruotare la corona) e non ci sono tastiere: l’unico modo per scrivere del testo è con dettatura vocale, sebbene pare che in un primo momento non ci sarà la possibilità di rispondere alle mail dettando il testo. Infine, i comandi vocali sono stati raggruppati sotto la funzione “Voice Control” e non viene mai menzionato il nome Siri.

Altro

Chi ha provato Apple Watch riferisce che l’interfaccia è nel complesso decisamente fluida, anche se ci sono stati rallentamenti dopo aver installato 200 applicazioni realizzate con WatchKit. Ma non preoccupatevi, difficilmente raggiungerete questo numero di software installati sull’orologio. Ottimi i primi pareri sul display, che riferiscono sia probabilmente “lo schermo più bello mai visto su uno smartwatch”, con neri molto scuri.

Non ci rimane che aspettare le 18:00 per scoprire nel dettagli tutte le funzionalità di Apple Watch: rimanete sintonizzati con il nostro live blog per avere in tempo reale tutte le novità sul primo smartwatch della mela.