One more thing

Apple sta davvero lavorando ad un motore di ricerca?

Giuseppe Tripodi

Cos’è Apple Search? È questa la domanda che molti utenti si stanno ponendo, dopo che sul sito dell’azienda californiana è apparso un annuncio per lavorare su questo servizio.

Nella richiesta si parla di una piattaforma di ricerca che supporti centinaia di milioni di utenti e di rivoluzionare il modo in cui le persone utilizzano il loro computer e dispositivi mobili, il che vuol dire tutto e nulla.

Ma analizziamo brevemente le possibilità che Apple stia davvero valutando di realizzare il suo motore di ricerca. Da ormai diversi anni, l’azienda di Cupertino non è in buoni rapporti con Google: da quando quest’ultimo si è lanciato nel mondo degli smartphone con Android, Apple ha preso le distanze, compiendo anche scelte impopolari che non sono state accolte bene dai suoi utenti (pensiamo alla rimozione di Google Maps e Youtube, ad esempio).

LEGGI ANCHE: Apple supera le vendite di Android negli USA

Inoltre, per le ricerche su Safari, Siri e Spotlight, i dispositivi della mela si affidano attualmente a Bing: il motore di ricerca di Microsoft viene probabilmente ritenuto “Il male minore”, ma Windows Phone cresce velocemente e la sua ascesa potrebbe minare, almeno in minima parte, il dominio di Apple sul mobile.

Per questo motivo, sebbene siamo certi che a Cupertino sappiano bene che la situazione desktop non cambierà facilmente e che nessuno abbandonerà Google per impostare un eventuale Apple Search come homepage, realizzare un nuovo motore di ricerca da usare come impostazione predefinita su Safari, Siri e Spotlight potrebbe effettivamente intaccare l’egemonia di BigG. Dopotutto, non dimentichiamoci che nello scorso trimestre negli USA il numero di iPhone 6 venduti è superiore alla somma di tutti gli smartphone Android messi insieme, e difficilmente tutti questi utenti andrebbero a cambiare il motore di ricerca predefinito.

Via: Engadget
Fonte: Cult of Mac