Microsoft-AutoCharge

Microsoft vuole rivoluzionare la ricarica con AutoCharge

Giuseppe Tripodi

Il mercato della tecnologia mobile si evolve sempre più velocemente e gli smartphone hanno delle potenzialità davvero enormi. Peccato solo che spesso ci abbandonino a metà giornata, con la batteria a terra.

E se la batteria e la sua ricarica sono i due punti in cui ci sono ancora ampi margini di miglioramento, Microsoft ha intrapreso la direzione giusta realizzando un prototipo di caricatore davvero incredibile.

Si chiama AutoCharge ed è decisamente lontano dall’idea del caricabatterie tipo che abbiamo: ricarica lo smartphone attraverso un fascio di luce che viene assorbito da un apposito pannello solare ed è in grado di identificare automaticamente uno smartphone scarico (o quasi) su una superficie piana.

LEGGI ANCHE: Batterie e ricarica: cinque miti da sfatare

Questo prototipo, infatti, riesce a rilevare un dispositivo con poca batteria residua attraverso una tecnologia simile a quella adottata su Kinect: una volta individuato, può ruotare il caricabatterie per proiettare la luce nel punto specifico.

Ovviamente Microsoft ha già assicurato che AutoCharge è stato pensato per funzionare anche al buio e, nei loro test, è stato in grado di identificare lo smartphone scarico nel giro di 0,3 secondi.

Lo scopo di questo particolare caricatore è di automatizzare il processo di ricarica, evitando ogni interazione con l’utente, che non dovrà neanche preoccuparsi di attaccare la presa al telefono. Inoltre, questo tipo di ricarica dovrebbe essere decisamente più veloce di quella induttiva: sperando che il prototipo entri presto in fase di produzione, ci auguriamo di vedere questa tecnologia futuristica al più presto.

Via: Phone Arena