Microsoft guadagni

Bilancio Microsoft: Nokia vende bene, ma i guadagni calano

Giuseppe Tripodi -

Microsoft ha appena pubblicato i risultati in borsa dell’ultimo trimestre: come è evidente dal grafico in alto, il pezzo delle azioni è cresciuto rispetto al resto del 2014, ma rimane sempre più basso se confrontato con quello di dicembre 2013.

In particolare, il prezzo di ogni titolo è adesso di 0,71$, mentre lo scorso anno era a 0,78$: questo ha evidentemente portato ad un calo dei guadagni, che sono passati da 6,65 miliardi a 5,86 miliardi nel corso degli ultimi dodici mesi.

Secondo gli analisti, le cause di questa differenza sono da ricercare nell’acquisizione di Nokia, che è costata all’azienda 7 miliardi di dollari. Inoltre, Microsoft ha subito negativamente l’aumento del valore del dollaro, poiché i dollari ottenuti dalla conversione delle varie monete per la vendita di dispositivi all’estero è stato minore.

Nonostante tutto, i Lumia sono andati piuttosto bene sul mercato: nell’ultimo trimestre del 2014 sono stati venduti 10,5 milioni di dispositivi (contro gli 8,2 milioni dello scorso anno). La vendita di smartphone ha portato 2,3 miliardi di dollari di ricavi, contro i soli 39,7 milioni dei feature phone, testimonianza che il mercato è ormai morto (o quasi) per questi ultimi.

LEGGI ANCHE: Windows Phone 8.1 continua a crescere, parola di AdDuplex

Ottimi risultati anche per la linea di tablet Surface che a dicembre 2014 risultava cresciuta del 24%, facendo guadagnare a Microsoft 1,1 miliardi di dollari. Risultati meno positivi per Xbox, scesa dai 7,4 milioni di unità vendute il trimestre precedente a “sole” 6,6 nell’ultimo quarto del 2014; anche Windows è in calo e gli incassi dalla vendita del sistema operativo sono scesi del 13%.

Con l’arrivo di Windows 10, comunque, ci si aspetta una variazione sostanziale in queste cifre: il mercato delle app universali potrebbe rovesciare le carte in tavola, andando a segnare un ottimo traguardo per Microsoft che si è velocemente aperta una strada tra i grandi player del settore mobile.

Via: GSMArena