Apple Watch companion app screenshot

Ecco l’applicazione che utilizzeremo per controllare Apple Watch (foto)

Giuseppe Tripodi

Come avevamo già accennato annunciandone la beta 4, nel menu Bluetooth di iOS 8.2 è stata inserita una voce che invita i possessori di Apple Watch a scaricare l’apposita applicazione che servirà a configurare e gestire lo smartwatch in arrivo a marzo.

LEGGI ANCHE: Apple Watch potrebbe arrivare a marzo

Come avrete già intuito, i colleghi di 9to5Mac sono riusciti a mettere le mani sul software in questione e hanno condiviso alcuni screenshot che ci svelano cosa saremo in grado di fare con il dispositivo (e che trovate in fondo).

In primo luogo, l’app mostra che l’orologio avrà ovviamente alcune funzionalità dedicate unicamente al fitness: potrà inviarci un avviso che ci invita ad alzarci quando siamo seduti da più di un’ora e fornirci dei consigli settimanali per migliorare la nostra forma fisica. Questo, ovviamente, in aggiunta a tutte le funzioni che ci aspettiamo, quali contapassi e statistiche mensili.

Dall’applicazione potremo personalizzare la posizione delle applicazioni che appaiono sullo smartwatch, così come la lista dei nostri contatti preferiti da tenere sempre a portata di vista. Apple Watch, com’era prevedibile, non avrà alcuna tastiera virtuale e, per rispondere alle conversazioni, potremo utilizzare la dettatura vocale o registrare direttamente un messaggio audio. Inoltre, per tutti i momenti in cui saremo impegnati, potremo replicare con delle frasi predefinite, che saranno ovviamente personalizzabili.

Infine, gli screenshot trapelati confermano che l’orologio avrà uno spazio di archiviazione nel quale potremo salvare musica, foto e applicazioni installate direttamente su Apple Watch e che sarà impossibile impostare un blocco con codice di 4 cifre (tuttavia, gli utenti potranno attivare automaticamente lo smartwatch quando sbloccano l’iPhone).

Mancano ormai poche settimane prima del probabile lancio di Apple Watch (che, ricordiamo, dovrebbe avvenire a marzo) e ormai conosciamo (quasi) tutte le potenzialità di questo dispositivo: adesso dobbiamo solo aspettare di metterlo al polso e vedere cosa si prova!

Via: The Verge