Nelson-Obus1

BlackBerry risorgerà? Sì, secondo il grande investitore che ha acquistato 2,1 milioni di azioni

Giuseppe Tripodi

Se non riconoscete l’uomo nell’immagine qui in alto, non ve ne faremo una colpa: non si tratta di un informatico né di un CEO di cui sentiamo spesso parlare, bensì di Nelson Obus, uno tra i più importanti investitori di Wall Street.

Sebbene molti diano ormai BlackBerry per spacciata, il nostro Nelson non è di quest’opinione, tanto da aver acquisto 2,1 milioni di azioni dell’azienda canadese.

LEGGI ANCHE: Sony ha ripiegato su BlackBerry durante l’hacking

Il nuovo CEO della società, John Chen, sta lavorando molto per rilanciare il marchio della mora, ma dietro questa rinnovata fiducia degli investitori ci sarebbe QNX, il sistema operativo che muover gli ultimi smartphone BlackBerry, che potrebbe anche diventare lo standard per il cosiddetto Internet of things.

QNX è attualmente adottato su milioni di sistemi embedded e ci sono buone ragioni per credere che, con il prossimo aumento dei dispositivi connessi ad Internet (per la domotica e non solo), crescerà anche il numero di device che utilizzano questo OS.