Rublo

Apple blocca le vendite online in Russia

Giuseppe Tripodi

Brutte notizie per i fan Apple residenti in Russia: l’azienda di Cupertino ha deciso di bloccare le vendite online dei suoi prodotti, a causa dell’instabilità della moneta locale, il rublo.

La chiusura degli store in rete è l’ennesima prova della pessima situazione economica del paese, la cui valuta negli ultimi 12 mesi ha avuto una caduta di oltre 50 punti percentuali rispetto al dollaro. La crisi del petrolio e le sanzioni dell’Unione Europea per la guerra in Crimea hanno influito negativamente sulle tasche dei russi, ma il colpo finale che ha portato Apple alla drastica decisione è stata la recente decisione del premier Putin di emettere moneta per salvare le banche dal default.

LEGGI ANCHE: iPhone 6 continua a dominare le vendite in Giappone

Questa manovra economica ha peggiorato le condizioni del rublo e ha aumentato l’inflazione, tanto che l’azienda guidata da Tim Cook ha preferito bloccare le vendite fino al momento in cui non sarà possibile valutare al meglio il prezzo a cui vendere i propri prodotti.

Al di là del problema di chi voleva acquistare un iPhone, il ritiro di una grande multinazionale come Apple è un campanello d’allarme, che potrebbe spingere altre aziende ad agire in maniera simile e aggravare la situazione economica russa. Per il momento non è chiaro quanto a lungo durerà questo blocco: accedendo agli store online ci appare soltanto il solito messaggio che ci avvisa che il sito tornerà online presto, ma fino ad ora non sono state rilasciate dichiarazioni in merito al ritorno di Apple in Russia.