cessna-flickr-medau

USA, finti ripetitori telefonici sugli aerei per tracciare le telefonate

Giuseppe Tripodi -

Secondo quanto riportato nella giornata di ieri dal Wall Street Journal, l’US Marshal Service del dipartimento di giustizia degli Stati Uniti dal 2007 utilizza aerei Cessna per tracciare le telefonate dei cittadini americani.

I piccoli velivoli sono equipaggiati con le cosiddette dirtbox, dei finti ripetitori telefonici ai quali i telefoni si collegano, scambiandoli per una normale cella telefonica. La dirtbox è addirittura in grado di simulare la cella di uno specifico operatore e, quando il cellulare si collega all’apparecchio, questo è in grado di tracciare tutti i dati scambiati attraverso di esso, comprese telefonate ed SMS: oltre a tutto ciò, è anche possibile localizzare il dispositivo con un margine d’errore di 3 metri.

Ovviamente, questo complesso sistema è stato sviluppato per identificare e individuare i criminali, ma ciò non toglie che a collegarsi ai finti ripetitori siano i cellulari di tutti i cittadini, senza troppe distinzioni di fedina penale.

Secondo quanto riportato, l’USMS fa decollare questi aerei da cinque aeroporti e la grande autonomia dei Cessna avrebbe permesso di sorvolare la maggior parte del territorio statunitense.

LEGGI ANCHE: Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti contro le app spia: arrestato il CEO di StealthGenie (video)

Dopo la pubblicazione della notizia, fonti interne hanno comunicato che il sistema non è mai stato utilizzato per spiare i cittadini, ma unicamente per tracciare criminali e latitanti. Tuttavia, si è aperto nuovamente il dibattito su quali misure possano essere utilizzate in nome della sicurezza nazionale e, a quanto pare, persino alcuni membri dell’US Marshal Service si stanno ponendo dei dubbi circa l’utilizzo delle dirtbox: come dichiarto da una fonte del Wall Street Journal, “Tutto ciò che succede nel suolo degli Stati Uniti è legale. Se è una cosa che dovrebbe essere fatta o meno, è un’altra questione“.

[Foto di: Joao Carlos Medau/Flickr]

Via: Engadget