apple-bug-1

Grave bug di iOS: gli hacker possono installare finte app di sistema

Giuseppe Tripodi -

Non è certo un buon periodo per Apple, che in meno di un mese sta vedendo rimbalzare sul web un’altra notizia a proposito di una (grave) minaccia che mina la sicurezza dei suoi dispositivi mobili.

Dopo WireLurker, il malware proveniente dalla Cina capace di infettare i dispositivi e installare applicazioni di terze parti, questa è la volta di un pericoloso bug presente su tutte le versioni del sistema operativo da iOS 7 in poi, indipendentemente dal fatto che sia presente o meno il jailbreak.

LEGGI ANCHE: WireLurker: dalla Cina il primo malware che infetta dispositivi iOS, anche senza jailbreak

A scoprire e diffondere la notizia di questo Masque Attacck è stata FireEye, azienda che si occupa di sicurezza informatica che ha mostrato come, sfruttando una vulnerabilità dell’OS, sia possibile installare applicazioni non richieste e addirittura sostituire i software di sistema iniettando del codice malevolo tramite pagine web, SMS o email.

È evidente che un bug del genere sia particolarmente grave, poiché dei malintenzionati potrebbero utilizzare finte app (come un client di posta o un browser) per rubare dati sensibili degli utenti: parliamo, tra l’altro, di una minaccia che affliggerebbe ben il 95% degli utenti iOS. Non ci rimane che attendere la risposta di Apple, che speriamo non tarderà ad arrivare.