Google al lavoro per far funzionare Maps su Windows Phone

Nicola Ligas

Ci siamo lasciati ieri sera con un importante aggiornamento nella notizia relativa alla vicenda Google Maps – Windows Phone, che mostrava come cambiando semplicemente lo user agent in quello di un dispositivi Android, il servizio di mappe funzioni tranquillamente anche su Internet Explorer Mobile. Certo, non sono stati condotti test approfonditi in merito e magari non tutte le funzioni rispettano gli standard di Google, o almeno questo è quello che insinuano a Mountain View.

Periodicamente testiamo la compatibilità di Google Maps con i browser per dispositivi mobili per assicurarci di fornire la migliore esperienza a tali utenti.

Nei nostri ultimi test, IE mobile non offriva ancora una buona esperienza con Maps, non essendo possibile zoomare ed eseguire altre funzionalità basilari. Pertanto, abbiamo deciso di continuare a reindirizzare gli utenti di IE mobile verso Google.com dove avrebbero almeno potuto eseguire ricerche locali. Firefox mobile offre un’esperienza utente in qualche modo migliore ed ecco perché non ci sono reindirizzamenti per i suoi utenti.

I recenti miglioramenti di IE mobile e Google Maps forniscono adesso un’esperienza migliore e siamo attualmente al lavoro per togliere il redirect. Continueremo a testare la compatibilità di Google Maps con altri browser mobili per assicurarci la migliore esperienza utente.

Casualmente insomma, dopo il tam tam suscitato ieri, la spiegazione odierna è assai più ragionevole e pacata, sicuramente più di un generico e quasi menfreghistico “IE non è basato su webkit”. La cosa strana è che rispetto a ieri non è in effetti cambiato nulla, e questo non indifferente cambio di prospettiva sembra quasi una forma di scuse rispetto alla motivazione iniziale, troppo sbrigativa e soprattutto che non sembrava lasciare molti spiragli aperti.

I rapporti Microsoft-Google restano insomma quelli di due bambini litigiosi, con Google che al momento fa decisamente la parte di quello più dispettoso, negando servizi quali YouTube e Maps per non parlare di tanti altri e addirittura dell’interruzione allo “storico” supporto per ActiveSync. In ogni caso il nostro Lumia 920 ancora non ne vuole sapere di visualizzare le mappe di Mountain View: pazienza, useremo le “alternative”.

Fonte: Fonte
  • M_90

    secondo me questa volta google ha toppato. ci può stare la lotta delle aziende però non si può offuscare da un momento all’altro un sito per non permettere agli utenti di usare gmaps. probabilmente è una strategia per bloccare MS nella fascia medio bassa dove potrebbe rubare vendite ad android e dove stesso android attualmente domina. poi come mai, essendo ie10 quasi identico tra la versione w8 e wp8, l’indirizzo non è bloccato anche su w8?. spero che google ci stia davvero lavorando, anche se gli utenti wp hanno comunque nokia maps che è ottimo, e si risolva la faccenda nel migliore dei modi.