windows-phone-wp7-marketplace-screenshot

Microsoft fa chiarezza in merito agli aggiornamenti

Nicola Ligas

Le reazioni alle dichiarazioni apparse un paio di giorni fa sul blog di Windows Phone (e da noi riportate) secondo le quali gli operatori avrebbero avuto più potere decisionale in merito ai futuri update, ha ovviamente suscitato un gran vespaio, al quale l’azienda ha risposto con un laconico “non è cambiato nulla in merito a come lavoriamo con gli operatori per consegnare agli utenti gli aggiornamenti di Windows Phone“.

La frase è a firma di Greg Sullivan, Senior Product Manager su Windows Phone, secondo il quale non è cambiato nulla, ed anche in passato, se un operatore avesse voluto bloccare un certo update, l’avrebbe semplicemente inserito nel successivo, dato che gli aggiornamenti sono cumulativi.

Riguardo la decisione di non aggiornare più il sito “Where’s my Windows Phone update?” la motivazione è da ricercarsi nel sempre crescente numero di terminali e operatori partner, che renderebbero confusionaria la tabella: nessuna ingerenza esterna (tantomeno da parte degli operatori) sarebbe insomma all’origine di questo cambio di paradigma. Inoltre non è pensabile dover segnalare ogni minimo aggiornamento: se ci saranno novità in merito probabilmente si riferiranno solo alle major release, che si chiamino Tango o Apollo.

Questo almeno è il pensiero dell’azienda. Che in linea di massima possiamo anche condividere. Alla prova pratica però gli update, si sa, sono consolatori: ricevere anche solo un fix ogni tanto placa gli animi; non ricevere alcuna notizia tra una major release e l’altra può invece indurre il cliente in uno stato che difficilmente potremmo definire di “soddisfazione”.

Fonte